attualita' posted by

Cartelle: stop fino al 31 maggio, poi dilazione. A qualcosa serve un po’ di governo

 

Finalmente una buona notizia che ci viene portata a Italia Oggi:  le cartelle e gli atti di accertamento vedono un nuovo stop alle notifiche fino al 31 maggio, a proseguire l’interruzione che terminava ieri.

Però non è finita qui: quando la sospensione terminerà ed i rinvii ricominceranno ci sarà la possibilità di fruire di una dilazione delle rate di pagamento fino a sei anni. Si sta anche valutando se concedere una sospensione selettiva alle attività che hanno pagato più duramente a causa del lockdown, con una soglia che attualmente viene valutata al 30% del calo di fatturato, ma che potrebbe anche essere inferiore. Tutto questo entrerà nel decreto “Sostegni 2” che andrà sul tavolo della presidenza del Consiglio  la prossima settimana. I tecnici del ministero dell’economia stanno ultimando il capitolo sulle proroghe di scadenze e adempimenti fiscali che troverà spazio nel decreto Sostegni 2 atteso sul tavolo del consiglio dei ministri la prossima settimana.

Avevamo scritto che era irrealistico pensare di poter incassare 30 milioni di cartelle esattoriali ora. Già una gran parte di queste sono emesse sulle spalle di soggetti falliti, morti o nullatenenti, se poi aggiungiamo la crisi sembrava che il MEF volesse mettere del sale fiscale sulle già presenti ferite causate dalla situazione economica. Questa decisione è già un passo avanti, piccolo, ma un passo avanti. Politicamente è il frutto massimo che un centrodestra, ancora minoranza in parlamento e nel governo potevano ottenere. Si può continuare a insistere, anche in futuro, affincè i 6 nni diventino 10 o 20 , L’unico modo per rendere realistico l’incasso di queste cifre.

Poi bisognerà passare a tassare i veri utili sfuggiti al fisco: quelli delle multinazionali che li esportano all’estero e delle aziende che hanno trasferito l sede in un paradiso fiscale, come il Lussemburgo, i Paesi Bassi, l’Irlanda ed il Regno Unito. Questi sono i veri evasori.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal