attualita' posted by

Blocco ai visti turistici russi: la Germania dice no (per fortuna)

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha continuato a sollecitare l’Unione Europea ad attuare un divieto di viaggio per tutti i russi, incolpando essenzialmente “l’intera popolazione” per il lancio dell’invasione, come ha dichiarato lunedì al Washington Post. Questo bloccherebbe anche i visti d’affari e turistici per i comuni cittadini.

Qualunque tipo di russo… fatelo restare in Russia“, ha detto. “Allora capiranno. Diranno: ‘Questa [guerra] non ha nulla a che fare con noi. L’intera popolazione non può essere ritenuta responsabile, no?“. Invece sì. La popolazione ha scelto questo governo e non lo sta combattendo, non sta discutendo con lui, non sta gridando contro di lui“. Con questa dichiarazione, sembra che il leader ucraino stia addirittura sostenendo la necessità di rimandare in Russia gli attuali residenti russi in Europa.

Mentre alcuni Paesi come la Finlandia, la Lettonia e l’Estonia hanno subito appoggiato l’idea, alcuni funzionari hanno espresso disagio e riluttanza per l’evidente programma di punizione collettiva su base etnica e per la xenofobia.

All’inizio della guerra, l’UE aveva già vietato i viaggi aerei commerciali dalla Russia e alcuni Paesi, come la Finlandia, avevano vietato individualmente anche il trasporto ferroviario. Ora Zelensky fa pressione sui leader europei affinché “chiudano le frontiere, perché i russi stanno portando via la terra di qualcun altro”. Di recente si è anche lamentato del fatto che le attuali sanzioni anti-Russia dell’Occidente sono “deboli”.

Ma giovedì il cancelliere tedesco Scholz ha respinto la proposta di un divieto di viaggio generalizzato rivolto a tutti i russi, affermando che “le sanzioni dovrebbero colpire il presidente russo Putin e i sostenitori della guerra contro l’Ucraina, non cittadini innocenti”.

Nel frattempo, The Guardian sottolinea che altri Paesi rimarranno probabilmente fondamentalmente contrari a qualsiasi proposta di divieto di viaggio:

Altri Paesi, tuttavia, non sono così sicuri. Alcuni paesi tradizionalmente vicini alla Russia, come l’Ungheria, probabilmente si opporranno con forza a un divieto, mentre gli Stati membri con grandi comunità russe, come la Germania, sostengono che la mossa dividerebbe le famiglie e penalizzerebbe gli oppositori della guerra che sono già partiti.

Anche la Commissione europea ha messo in dubbio la fattibilità di un divieto di viaggio generalizzato, affermando che alcune categorie di viaggiatori – tra cui familiari, giornalisti e dissidenti – dovrebbero ottenere il visto in ogni circostanza.

 

Resta il fatto che se l’UE dicesse a 145 milioni di russi che non possono più viaggiare in Europa per nessun motivo con un divieto generalizzato, è ovvio che questo non avrebbe alcun impatto sulle decisioni di Putin in tempo di guerra. Invece, servirebbe solo a punire la gente comune, che ha anche un’ampia gamma di opinioni sulla guerra in Ucraina. Inoltre questi russi potrebbero andare tranquillamente a spendere i propri soldi nel restante 3/4 del mondo che non applicano sanzioni alla Russia….

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal