attualita' posted by

AUTOSTRADE: NESSUNA REVOCA, ANZI ALL’ASTA QUELLE SCADUTE. Conte ed i Cinque Stelle prendono per i fondelli gli italiani

 

 

Questa settimana è stata rivelatoria per comprendere il futuro della politica italiana. La sparizione in Emilia Romagna e la fortissima riduzione in Calabria mostrano come ormai il Movimento 5 Stelle politicamente non esiste e non esisterà più a Roma, riducendosi a mero vassallo del PD e dei suoi interessi. La prova provata in due fatti comunicati questa settimana:

  • Le concessioni scadute riguardanti la A11 da Savona alla Francia e A 12 da Sestri Levante a Livorno saranno rimesse all’asta in concessione come se nulla fosse. Niente ANAS;
  • Il governo, ministro Gualtieri in testa, sembra ormai deciso a NON revocare le concessioni ad autostrade per l’Italia, nonostante tutto quello che è successo e quello che  è stato rivelato dalle indagini sull’incuria colpevole dei concessionari.

Quindi tutte le chiacchiere sul *Dossier pronto” sulla prossima cancellazione dei rapporti con ASPI ed Atlantia  si rivelano per quello che sono : un mare di bugie. Si va avanti con un sistema sbagliato, che ha causato morti e feriti, distruzioni, danni, e depauperato il paese, ed il tutto nonostante programmi elettorali e promesse.

Come rivela il messaggero i pentastellati potrebbero imporre la cancellazione, ma non ne hanno il coraggio, ridotti ormai ad un gruppo, numeroso, di sbandati senza un domani. Tutta la vicenda si concluderà con poco di uni schiaffetto sulle mani: un calo del 5% delle tariffe, spalmato in 18 anni e la promessa di fare più manutenzione e più investimenti, ma chi veramente si fida di questa gente ??

E la revoca delle concessioni? Di Maio diceva

Questo a settembre vi scrivemmo che non sarebbe mai successo, e non  succederà mai. Questa vicenda è il più grande inganno fatto alle spalle degli italiani, ma il M5s non esiste più per risponderne. Si è sciolto, come neve al sole, e l’unica cosa che ha lasciato sono duecento e rotti tizi che occupano le camere….

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito