attualita' posted by

Assalto dei migranti alla enclave spagnola di Melilla: 18 morti e 76 feriti

Fonte AP

Diciotto migranti africani sono morti e 76 sono rimasti feriti dopo un assalto di massa all’exclave spagnola di Melilla, in Nord Africa.

Secondo l’Associated Press, un portavoce del governo spagnolo ha dichiarato che circa 2.000 migranti hanno tentato di attraversare e 133 sono riusciti a superare il confine del territorio spagnolo. Quelli che sono riusciti a passare sono stati portati in un centro per migranti locale dove le autorità spagnole stanno valutando i loro casi. La Spagna applica a questi migranti una procedura di espulsione rapida che dovremmo copiare, paro paro, anche noi.

Circondata dal Marocco, Melilla è un territorio di cinque miglia quadrate sul lato orientale di una penisola rocciosa sul Mar Mediterraneo. Sia Melilla che Ceuta, un territorio spagnolo dalla posizione simile, sono state soggette a periodiche tempeste di confine nel corso degli anni.

I due territori autonomi spagnoli rappresentano per i migranti l’unica frontiera terrestre tra l’Africa e l’Unione Europea, il che li rende obiettivi appetibili per coloro che altrimenti dovrebbero tentare la traversata del Mediterraneo.

L’exclave spagnola di Melilla, con una superficie di 8 km quadrati, confina con il Marocco (mappa via identitejuive.com)
“Un folto gruppo di subsahariani [africani]… ha sfondato il cancello di accesso al posto di controllo di frontiera di Barrio Chino ed è entrato a Melilla saltando sul tetto del posto di controllo”, hanno dichiarato le autorità governative spagnole in un comunicato. Secondo quanto riferito, erano tutti uomini adulti; la fuga è iniziata alle 6:40 ora locale.

Il resto dell’orda è stato respinto dagli sforzi della polizia della Guardia Civil spagnola e delle forze di sicurezza marocchine che lavoravano su entrambi i lati della recinzione di confine. Secondo le autorità marocchine, le vittime si sono verificate quando i migranti hanno tentato di scalare la recinzione di ferro.

In quella che Al Jazeera ha definito una “violenta scaramuccia di due ore”, sono rimasti feriti anche 49 membri della Guardia Civil spagnola. Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha dichiarato che “le milizie del traffico di esseri umani” hanno orchestrato “un assalto violento e ben organizzato”.

Un’organizzazione marocchina per i diritti umani ha suggerito alla Reuters che il tentativo di sfondamento di massa della frontiera è stato provocato dall'”intensa repressione” del Marocco nei confronti dei migranti e, in particolare, dal tentativo di sgomberare gli accampamenti di migranti in una foresta vicina il giorno prima.

In un assalto di marzo, la polizia spagnola non ha avuto lo stesso successo: quasi 1.000 migranti hanno violato il confine in un gruppo che si dice sia composto da più di 3.500 persone.

Anche se non è stato il caso in questo caso, il governo marocchino ha già armato il suo confine terrestre con la Spagna. Come riporta l’Associated Press:

L’anno scorso il Marocco ha allentato i controlli intorno a Ceuta, permettendo a migliaia di migranti di attraversare la Spagna. La mossa è stata considerata una ritorsione per la decisione della Spagna di permettere al leader del movimento pro-indipendenza del Sahara occidentale  di essere curato per la COVID-19 in un ospedale spagnolo. Il Sahara occidentale ex spagnolo è un problema per la Spagna, vista la sua natura di terra contesa fra Marocco e Algeria

Le relazioni tra Spagna e Marocco, tese dalle tensioni sullo status del Sahara occidentale, sono migliorate a marzo, quando la Spagna ha appoggiato il piano del Marocco per dare maggiore autonomia alla regione. Nel 2020, l’amministrazione Trump ha riconosciuto la rivendicazione di sovranità del Marocco sul Sahara occidentale come parte di una contropartita per la normalizzazione delle relazioni del Marocco con Israele.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal