attualita' posted by

Arriva il giorno del giudizio per i “Ribelli” della siriana Idlib?

 

È passato molto tempo dall’inizio della crisi siriana,  ma  sembra che un’escalation del conflitto ad  Idlib, la sacca nel nord del paese ancora in mano ai ribelli anti Assad, sia arrivando …

Dopo le frequenti violazioni del cessate il fuoco da parte di Hay’at Tahrir al-Sham (HTS) e di altri gruppi terroristici della cosiddetta “opposizione moderata”, la misura è colma. Il 10 giugno, l’esercito arabo siriano (SAA) e il supporto russo hanno iniziato un’operazione di bombardamento pesante su varie posizioni dell’HTS in tutta la Grande Idlib. Abu Musab al-Homsi e Mu’ataz al-Nasir, comandante delle forze di sicurezza interna del gruppo. Anche altri quattro militanti, legati alla morte di un militare russo,   sono stati uccisi e i russi hanno utilizzato potenti strumenti di AI per seguirli ed identificarli.

I funzionari HTS sono stati probabilmente presi di mira con un proiettile di artiglieria a guida laser Krasnopol 2K25 russo, con il loro veicolo illuminato dal laser emesso da un drone.

Inoltre, gli aerei da guerra delle forze aeree russe hanno effettuato una serie di attacchi aerei sulle posizioni dei militanti nella Grande Idlib. In totale, più di 20 attacchi aerei sono stati inflitti agli insediamenti di Fatira, Ain-Lapuz, Muzapa, Maapata, Khaluba e Majdaliya nella regione di Jabal al-Zawiya, nel sud della provincia siriana di Idlib.

Il giorno prima, un membro del servizio russo è stato ucciso e altri tre sono rimasti feriti nell’esplosione di una mina nel nord-est della Siria. L’operazione su larga scala della SAA e delle forze russe sembra essere una risposta alla morte di un soldato russo, nonché alle frequenti violazioni del cessate il fuoco da parte di HTS e altri gruppi militanti nella regione.

Inizialmente, una risposta è arrivata dalle forze armate turche e dal suo delegato, l’Esercito nazionale siriano (SNA), che hanno entrambi intrapreso azioni di risposta. Il bombardamento turco ha preso di mira le posizioni della SAA e dei suoi alleati nel sud di Idlib e nel nord-ovest di Hama. Non sono state segnalate vittime o perdite materiali.

Anche i militanti della sala operativa al-Fateh al-Mubeen, guidati da HTS, hanno preso di mira un carro armato e un veicolo della SAA con missili guidati anticarro.

Le forze turche dovrebbero monitorare il cessate il fuoco e combattere i gruppi terroristici nella Grande Idlib come parte dell’accordo del 5 marzo 2020 con la Russia. Tuttavia, Ankara e i suoi delegati stanno facendo l’esatto contrario, cioè appoggiando le forze dei ribeli e, in questo caso utilizzando anche l’artiglieria per rispondere. Questo sta minacciando il cessate al fuoco che potrebbe essere agli sgoccioli.

Nel frattempo, i consulenti delle forze speciali russe hanno addestrato il personale delle forze speciali dell’esercito arabo siriano (SAA) nella provincia siriana di Aleppo. Lì, i consulenti militari russi stanno lavorando per migliorare le prestazioni del personale delle forze speciali siriane insegnando loro nuove tattiche e metodi. Non è nel regno della speculazione considerare che siano pianificate più operazioni “pratiche” in ogni direzione che non sia sotto il controllo del governo di Damasco. Ormai le aree ribelli sembrano essere vicine al Redde Rationem, con il rischio di uno scontro diretto fra  forze armate siriane e turche.  Il conflitto potrebbe spingere altre centinaia di migliaia di migranti ai confini dell’Europa.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal