conti pubblici posted by

ANTONIO POLITO, BARISONI (FOCUS ECONOMIA) E IL TERRORISMO SU CONTI GIAPPONESI E ABENOMICS

L’Economia giapponese si è ridotto dello 0,4 per cento da luglio a settembre , dopo una contrazione dell’1,9 per cento nel trimestre precedente.

Subito all’opera, la disinformazione galoppante ne ha approfittato per spargere le sue menzognere verità: “STAMPARE MONETA NON SERVE A NULLA, SHINZO ABE HA FALLITO”

Ecco qualche esempio di pillole della corretta informazione:

focus

Questi gli onestissimi ed imparzialissimi radiocronisti di RADIO24.

E questo il glorioso Antonio Polito:

POLITO GIAPPONE 1

la cui vastissima competenza economica gli fa passare in secondo piano il seguente fatto:

POLITO GIAPPONE 2

Ma poi, cosa è accaduto davvero in Giappone?

Questo:

1) Aumento della domanda pubblica;

2) tenuta delle esportazioni nette;

3) calo della domanda privata non sufficientemente compensata dai punti 1 e 2.

La domanda privata è diminuita dello 0,9% sottraendo 0,7 punti percentuali alla crescita.

I consumi privati (rappresentano il 60% dell’economia) sono aumentati solo dello 0,4%, causa aumento IVA all’8% dal 5 di aprile (Fiscal Retrenchment appunto volto a ridurre l’Import).

Gli Investimenti in abitazioni sono scesi del 6,1% mentre la spesa per il capitale è scesa dello 0,2%.

Il contributo negativo delle scorte private è anche un altro fattore importante nel declino del PIL .

La domanda pubblica è aumentata dello 0,7% e ha aggiunto 0,2% alla crescita . I consumi e gli investimenti pubblici sono cresciuti dello 0,3 e 2,2% rispettivamente .

La domanda esterna ha aggiunto 0,1 punti percentuali alla crescita come gli aumenti di esportazioni ( +1,3 per cento ) sono stati superiori a quelli delle importazioni ( +0,8 per cento ).

Ecco un po’ di grafici per i vostri sopraffini palati:

1) CALO DEL TASSO D’INTERESSE PAGATO SUI TITOLI PUBBLICI GRAZIE ALLA SOTTOSCRIZIONE DA PARTE DI BANK OF JAPAN DEI TDS

GIAPPONE 1

2) SVILUPPO DEL CAPITALE FISSO LORDO (NECESSARIO PERCHE’ IL GIAPPONE GIA’ VIAGGIA AL 99% DEL TASSO D’IMPIEGO DEL CAPITALE DISPONIBILE)

GIAPPONE 2 CAPITALE FISSO LORDO

3) RIPRESA DELL’INFLAZIONE GIAPPONESE

GIAPPONE 3 INFLAZIONE

4) RIPRESA DEL TURISMO (CHE E’ AGEVOLATO DA UNA MONETA DEBOLE IN QUANTO FAR VACANZE IN GIAPPONE COSTA MAGARI MENO DI FARLE IN EUROPA)

GIAPPONE 4 TURISMO

5) TASSO DI UTILIZZO DEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI GIAPPONESI (DA PIU’ DI UN ANNO A LIVELLI SUPERIORI ALL’ORDINARIO, BEN OLTRE IL PIENO IMPIEGO DELLE RISORSE DISPONIBILI)

GIAPPONE 5 CAPACITA' PRODUTTIVA UTILIZZATA

6) LIVELLO DELLE VENDITE INTERNE, COME SI NOTA, IL VERO CALO E’ RELATIVO AL MERCATO DEGLI APPARTAMENTIGIAPPONE 6 CONSUMI

Bene, credo di avervi illustrato come nasce la potenziale crisi giapponese e quanto invece la loro sia una situazione per ora invidiabile, nonostante la perdita delle centrali nucleari e le conseguenti riduzioni di vendite all’estero di pesce e altri prodotti temporaneamente considerati a rischio radioattività.

Cari Polito e Barisoni, gli Italiani si appoggiano a voi per esser informati, è vostro compito svolgere fedelmente l’arte del giornalista servendo il popolo che vi segue, non vendendovi alla linea del vostro editore solo perché TENETE FAMIGLIA!

Maurizio Gustinicchi

Economia5Stelle

GUSTI E IL PROF 2

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog