attualita' posted by

Amazon? Non sarà colpita dall'”Aliquota globale” di Biden. Le hanno lasciato l’ennesima scappatoia

 

 

L’accordo del G7 sulla proposta Biden ha raccolto i peana dei mass media, tutti pronti a lodare la responsabilità dei paesi occidentali pronti a mettersi d’accordo per colpire quei cattivoni delle multinazionali che evadono le tasse. Peccato che  l’aliquota concordata sia ridicola e  che, soprattutto, siano state lasciati dei “Buchi” che permetteranno ai più furbi, o ai più favoriti, di non pagare tasse.

Come abbiamo appreso durante il fine settimana tramite un comunicato dei ministri del G-7, un pilastro dell’accordo prevedeva che la tassa si applicasse su “profitti superiori a un margine del 10% per le imprese multinazionali più grandi e redditizie“, cioè se il margine di contribuzione del prodotto supera il 10%. Praticamente se il margine di profitto superi il 10% del fatturato. Fatta la legge, trovato l’inganno. Amazon, grazie all’attività di e-commerce a basso margine, non soddisfa tecnicamente quel limite, come ha sottolineato il Guardian. Citando  uno stuolo di esperti che,  il giornale  hanno avvertito che Amazon potrebbe essere esclusa dal nuovo regime fiscale se  questa norma non venisse modificata. 

Amazon è una delle più grandi aziende al mondo, con un valore di mercato di 1,6 trilioni di dollari (1,1 trilioni di sterline) e un fatturato di 386 miliardi di dollari nel 2020. Una filiale lussemburghese ha pagato l’imposta sulle società zero nel 2020 sui ricavi delle vendite provenienti da tutta Europa di 44 miliardi di euro ( £ 38 miliardi), rendendo Amazon un obiettivo importante per i politici che si battono per modifiche al sistema fiscale globale.

Tuttavia, il suo margine di profitto nel 2020 è stato solo del 6,3%. Gestisce la propria attività di vendita al dettaglio online con margini di profitto molto bassi, in parte perché reinveste pesantemente e in parte per guadagnare quote di mercato.

Ovviamente, con i Democratici al posto di guida, è difficile immaginare che Bernie Sanders o Elizabeth Warren permettano ad Amazon, un obiettivo comune dei loro attacchi populisti, di sfuggire alla più grande revisione internazionale delle tasse sulle società in 100 anni. Come Richard Murphy, visiting professor di contabilità presso la scuola di gestione della Sheffield University, ha sostenuto al Guardian, la soglia di profitto del 10% era “inappropriata” a causa dei diversi modelli di business per le diverse aziende. Ha aggiunto che gli attuali approcci alla segnalazione dei profitti in ciascun paese sono stati “facilmente ingannati”. “Questo potrebbe rivelarsi una falsa speranza a meno che non ottengano i dettagli giusti”, ha detto.

Bloomberg nel pomeriggio ha affermato che Amazon sarà sottoposta alla nuova imposta, anche se questo significherebbe una modifica delle norme generali sinora concordate e che, evidentemente, erano state studiate male, molto male. Probabilmente le avranno scritte con l’aiuto di un avocato… pagato da Amazon.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal