attualita' posted by

Amazon: dopo il boom della pandemia, deve chiudere dei magazzini

 

Dopo aver speso miliardi per raddoppiare le dimensioni della sua rete di distribuzione durante la pandemia, Amazon si trova in una posizione pericolosa.

Nel primo trimestre del 2022, il gigante dell’e-commerce ha registrato una perdita netta di 3,8 miliardi di dollari dopo aver ottenuto un profitto di 8,1 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2021. Questo include 6 miliardi di dollari di costi aggiuntivi, la maggior parte dei quali può essere ricondotta alla stessa rete di distribuzione.

Il direttore finanziario di Amazon, Brian Olsavsky, ha dichiarato che l’azienda ha scelto di espandere la propria rete di magazzini basandosi “sulla fascia alta di una previsione di domanda molto volatile”. Finora, però, quest’anno ha chiuso o ritardato i piani per almeno 16 strutture programmate.

“Attualmente abbiamo una capacità in eccesso nella rete che dobbiamo sfruttare”, ha dichiarato Olsavsky agli investitori durante la telefonata di presentazione dei risultati del primo trimestre 2022 di Amazon. Quindi, abbiamo ridotto le nostre aspettative di costruzione”. Si noti ancora una volta che molte delle decisioni di costruzione sono state prese 18-24 mesi fa, quindi ci sono limitazioni su ciò che possiamo modificare a metà anno”.

Di seguito sono elecati i 16 magazzini pianificati che Amazon ha cancellato o ritardato nel 2022:

Appare evidente che il boom delle vendite online, soprattutto tramite Amazon, è finito e le previsioni si sono rivelate eccessive rispetto alla realtà dei fatti. 

Secondo l’Ufficio del censimento degli Stati Uniti, le vendite al dettaglio di e-commerce nel primo trimestre del 2022 sono cresciute del 2,4%, al netto delle variazioni stagionali, rispetto all’ultimo trimestre del 2021. Ma le vendite di e-commerce come percentuale del totale delle vendite al dettaglio sono in realtà leggermente diminuite su base trimestrale. Questo significa che sono cresciute, ma non abbastanza. 

A marzo, le vendite di e-commerce sono diminuite rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre le vendite tradizionali sono aumentate, secondo Mastercard SpendingPulse. Questo non accadeva dall’inizio della pandemia e ha segnato il primo calo annuale (a/a) della spesa online dal 2013.

Il rallentamento può essere attribuito a diversi fattori. Molti indicano l’inflazione come il principale responsabile: con meno reddito disponibile, gli acquirenti cercano di risparmiare spendendo meno online, destinando i loro soldi a cose come viaggi e carburante. Anche i timori terminati  di pandemie stanno portando a un allontanamento dall’e-commerce e a un ritorno agli acquisti di persona. La gente inizia voler tornare nei negozi e centri commerciali.

Il problema per Amazon è sulle strutture, non sul personale. Il turn over del personale della società è talmente elevato che per ridurlo basta non assumere. Il turnover è stato così elevato che Amazon ha iniziato a monitorarlo settimanalmente e ha scoperto che perde circa il 3% dei suoi magazzinieri ogni sette giorni. Ciò significa che la potenza dell’e-commerce rinnova l’intera forza lavoro dei suoi magazzini in media ogni otto mesi.  Questo però non è sostenibile a lungo termine!

Sicuramente Amazon risolverà i problemi, ma non sarà per nulla semplice.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal