attualita' posted by

Altro che rallentamento: sempre più economisti vedono una recessione per quest’anno

 

Il mese di guerra in Ucraina ha sconvolto le prospettive degli analisti dell’economia globale quest’anno. Le previsioni si sono rapidamente spostate da un robusto rimbalzo post-COVID a crescenti aspettative di una recessione globale in piena regola a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, della fragilità delle  catene logistiche e delle scarse forniture globali di petrolio.

Economisti, analisti e famosi investitori affermano che le probabilità di una recessione sono aumentate, anche considerando che l’inflazione galoppante sta spingendo le banche centrali ad avere una posizione restrittiva dal punto di vista monetario, peggiorando le prospettive di crescita. 

Nonostante il fatto che la recessione non sia lo scenario di base della maggior parte degli economisti, le probabilità di una flessione stanno crescendo, dicono, soprattutto se nelle prossime settimane e nei prossimi mesi usciranno dal mercato più esportazioni di energia russe.

L’Unione Europea e la sua più grande economia, la Germania, sono state finora riluttanti a vietare le importazioni di energia russa o a imporre sanzioni alle esportazioni russe di petrolio e gas, considerando che l’Europa dipende dalla Russia per più di un quarto della sua fornitura di petrolio e un terzo della sua fornitura di gas naturale.

Le sanzioni stanno funzionando e la Germania porrà fine alla sua dipendenza dal petrolio e dal gas russi il più rapidamente possibile, ha affermato mercoledì il cancelliere tedesco Olaf Scholz al parlamento tedesco. Tuttavia, uno scollegamento dall’energia russa dall’oggi al domani significherebbe una profonda recessione in tutta Europa, mettendo a rischio intere industrie e consentendo la perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro, ha aggiunto.

I ministri degli esteri degli Stati membri dell’UE non sono riusciti a raggiungere un accordo sull’opportunità di punire Putin con un embargo petrolifero all’inizio di questa settimana.

Nello scenario peggiore della guerra russa in Ucraina con gravi e crescenti interruzioni con una risposta politica moderata e in una situazione in cui le esportazioni di petrolio e gas dalla Russia all’Europa vengano chiuse, i prezzi del Brent balzerebbero a $ 150 al barile, secondo gli analisti a McKinsey & Company ha detto la scorsa settimana. In questo scenario peggiore, la fiducia scossa e i continui prezzi elevati del petrolio ridurrebbero la spesa dei consumatori e delle imprese negli Stati Uniti e questo risulterebbe in una recessione, ha osservato McKinsey.

“Negli Stati Uniti, la questione chiave sarà come la Federal Reserve Board reagirà all’impatto del picco dei prezzi del petrolio e al balzo dei prezzi delle materie prime agricole, minerarie e minerarie (i prezzi del gas naturale negli Stati Uniti sono ampiamente indipendenti dall’Europa ),”, hanno scritto gli analisti della società di consulenza.

Se gran parte delle esportazioni di energia russe dovesse rimanere fuori mercato per tutto l’anno, una recessione economica globale sembra inevitabile, hanno scritto in un’analisi Lutz Kilian e Michael D. Plante, economisti del Dipartimento di ricerca presso la Federal Reserve Bank di Dallas. . L’analisi ha anche avvertito che questo rallentamento potrebbe essere più prolungato rispetto alla recessione del 1991 in seguito allo shock dell’offerta di petrolio dall’invasione irachena del Kuwait nel 1990.

Ogni recessione negli ultimi 50 anni è stata preceduta da un aumento del prezzo del petrolio, ed è di nuovo un déjà vu“, ha scritto Chris Lafakis, direttore di Moody’s Analytics, in un rapporto la scorsa settimana.

Questa settimana, l’investitore miliardario Carl Icahn ha anche avvertito che potrebbe esserci una recessione in mezzo all’aumento dell’inflazione.

Penso che potrebbe esserci una recessione o anche peggio“, ha detto Icahn alla CNBC martedì. “La mia visione è negativa. Non faccio neppure previsioni a breve termine“, ha detto.

L’aumento dell’inflazione e l’elevata incertezza sull’economia globale con la guerra russa in Ucraina potrebbero minacciare la crescita economica, ha affermato Icahn.

Non so davvero se possono progettare un atterraggio economico morbido“, ha detto Icahn. “Penso che ci sarà un brusco atterraggio… L’inflazione è una cosa terribile quando inizia“, ​​ha osservato l’investitore.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal