attualita' posted by

ALLARME GROSSO

Orwell era un dannato dilettante (sia detto “dannato” nel senso bonario e affettuoso del termine). Perché il mitico George lavorava di fantasia e il suo Stato totalitario infarcito di psico-reati e di ministeri dell’amore e della verità era finto, un parto della sua fantasia. Quello che ci stanno costruendo attorno è dannatamente vero (sia detto “dannatamente” nel senso infernale e offensivo del termine). Di fronte a certe notizie non ci cascano solo le braccia. Ci coglie un senso di vertiginosa provvisorietà come in una poesia di Ungaretti: si sta come d’autunno sugli alberi le foglie. Parliamo dell’ultima trovata del Governo, messa a punto dalla Polizia postale e delle comunicazioni, presentata nella sede del Polo Tuscolano dal ministro dell’Interno Marco Minniti. Si tratta, in buona sostanza, di un pulsante rosso virtuale a disposizione degli utenti del web per segnalare una fake news. A quel punto “un team dedicato del Cnaipic le verificherà attentamente e, in caso di accertata infondatezza, pubblicherà una smentita”. Insomma, nella marcia a tappe forzate verso la dittatura del pensiero vaticinata dal grande scrittore britannico, abbiamo raggiunto un’altra stazione inimmaginabile fino a pochi anni fa. Adesso, chiunque scriva e pubblichi on line le sue idee è a rischio. Una massa sterminata di potenziali spie e delatori (sterminata in quanto composta da tutti i fruitori del web, nessuno escluso) potrà denunciarlo per il “crimine” di menzogna. Forse neanche in uno stato teocratico islamico si è mai giunti a tanto. Pensateci: un pirla qualsiasi potrà digitare un menu e dirigere le forze di polizia sul vostro sito o sul vostro blog o sulla vostra pagina facebook. Per ora, la censura si rivolgerà solo alla home di uno schermo, ma contateci sul fatto che, in un futuro non troppo lontano, quelli in divisa e stivali ve li troverete sulla porta della home in cui abitate. Ecco, questa previsione è vera? Chi può dirlo? Come tutte le profezie potrà essere smentita dagli eventi (proprio come quella di Orwell sta per essere confermata). Ma se non è vera, allora è falsa? Ma se allora è forse falsa, si può dire che è una fake news? Forse sì. Nel dubbio, premiamo il bottone rosso – dai! –  chiamiamo la polizia. Funzionerà così, sapete, perché chi amministra questi processi, a differenza della disciplinata e beota massa pascolante sui prati di internet, sa che la verità e la falsità sono concetti su cui la libertà inciampa in fretta come ci insegnava Nietzsche («Noi crediamo di sapere qualcosa sulle cose stesse, quando parliamo di alberi, di colori, di neve e di fiori, eppure non possediamo nulla» perché la verità non è che un «mobile esercito di metafore»). Molti cittadini dell’Evo Competitivo, invece, inebetiti ingranaggi del Sistema, possono tollerare di vivere in un Paese dove la polizia postale – con un team di esperti, ci mancherebbe! – decide ciò che è vero e dicibile e ciò che non lo è. Infine, parola a Minniti e alla sua excusatio non petita: “Non vogliamo creare un Grande fratello”. Se non fosse che mi fa schifo, pigerei all’istante il pulsante rosso.

Francesco Carraro

www.francescocarraro.com


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog