Seguici su

Attualità

Airbus progetta un jet a idrogeno liquido. Temperature estreme per emissioni zero

Pubblicato

il

 

Airbus sta progettando nuovi serbatoi criogenici di idrogeno per supportare i futuri velivoli alimentati a idrogeno liquido, secondo un blog pubblicato dall’azienda la scorsa settimana.

Li chiamano cuori freddi e sono al centro del loro nuovo aereo ZEROe a idrogeno.

“L’idrogeno è fondamentale per la nostra missione di portare sul mercato aerei a emissioni zero entro il 2035, ma deve essere conservato a una temperatura eccezionalmente fredda di -253°C. Per utilizzare questa tecnologia è necessario sviluppare serbatoi criogenici innovativi per lo stoccaggio dell’idrogeno. Fortunatamente, in tutta la nostra rete abbiamo team con le competenze giuste per costruirli”, ha dichiarato l’azienda nel suo blog.

Airbus spiega poi che esistono due tecnologie principali che consentono a un aereo di volare direttamente con l’idrogeno: alimentare un motore con la combustione dell’idrogeno attraverso motori a turbina a gas modificati o utilizzare celle a combustibile a idrogeno per creare energia elettrica.

Un’altra opzione è un approccio ibrido che utilizza una miscela di entrambe le tecnologie.

L’idrogeno deve essere mantenuto molto freddo
“Ma a prescindere da queste opzioni, c’è una costante: l’idrogeno deve essere mantenuto molto freddo. Deve essere immagazzinato a -253°C e mantenuto a questa temperatura in modo costante per tutto il volo, anche quando i serbatoi sono esauriti”, ha spiegato ancora il costruttore dell’aereo. Ecco perché i serbatoi di stoccaggio per gli aerei a idrogeno sono una componente essenziale del futuro volo a idrogeno. Tuttavia, sono difficili da progettare perché sono completamente diversi da quelli che si possono trovare su un aereo tradizionale.

Per sviluppare questi serbatoi, Airbus ha istituito, circa 15 mesi fa, i Centri di Sviluppo Zero Emissioni (ZEDC) di Nantes, in Francia, e di Brema, in Germania, che condividono la responsabilità di guidare questa nuova tecnologia. I serbatoi sono prodotti a Nantes, mentre i coldbox, che si occupano della gassificazione dell’idrogeno liquido, sono prodotti a Brema.

“È una vera e propria testimonianza del lavoro di squadra tra i nostri siti la produzione così rapida di questo primo serbatoio. Vogliamo ottimizzare il serbatoio per ottenere una maggiore efficienza e ridurre ulteriormente la sua impronta ambientale: dopo tutto, un aereo a emissioni zero deve essere il più vicino possibile alle emissioni zero per tutto il suo ciclo di vita”, ha dichiarato Chris Redfern, responsabile della produzione di ZEROe Aircraft e responsabile dell’architetto industriale della propulsione.

Gli ingegneri affermano che il prossimo passo sarà quello di guardare al prototipo con occhio critico e chiedersi se è migliorabile o se presenta eccessive difficoltà di sviluppo. Il team raccoglie le intuizioni e i dati dei test di questo primo modello per lavorare a un secondo prototipo, da riempire con idrogeno. Gli obiettivi principali del team sono massimizzare lo spazio, migliorare le prestazioni e semplificare il processo di produzione. Ci vorrà circa un altro anno per costruire e testare questo secondo prototipo e l’obiettivo finale è quello di avere un serbatoio pronto da installare nel dimostratore dell’A380 entro il 2026-2028.

Il progetto rivoluzionerà il modo in cui voliamo, portando la sostenibilità in primo piano nel settore. “Siamo costantemente alla ricerca di tecnologie innovative che ci aiutino a raggiungere il nostro obiettivo di portare sul mercato aerei a emissioni zero entro il 2035”, ha concluso Airbus.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito