attualita' posted by

Achtung Bidonen! Le auto premium tedesche non sono affidabili

Un disastro. Lo studio della JD Power, condotto su 12854 auto di produttori premium di auto vendute in Germania dal 2015 al 2019, i cui risultati sono stati pubblicati ora, rivelano la triste verità: l’affidabilità tedesca è un mito non più rispondente alla verità dei fatti.

Lo studio ha valutato i problemi dei proprietari di automobili nuove nell’arco di 12 mesi . I conducenti sono stati sondati dal novembre 2018 e gennaio 2019 e nel complesso gli autori dello studio hanno catalogato 177 problemi divisi in otto categorie – Corpo, esperienza di guida, caratteristiche / controlli / display (FCD), Audio / Comunicazione / Intrattenimento / Navigazione (ACEN), posti a sedere, riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria (HVAC), abitacolo e il motore e la trasmissione. Quindi le auto sono state classificate sulla base del numero di problemi riscontrati, e qui sono venute le brutte sorprese. Considerando che il dato medio è stato di 117 problemi ogni cento auto, i dati raccolti hanno permesso di costruire la seguente classifica.


Problemi rivelati ogni 100 auto

Le migliori auto vendute in Germania non sono tedesche, ma giapponesi, ceche e coreane. il primo marchio tedesco è la piccola Smart, ma prima di trovare un altro marchio tedesco bisogna arrivare alla decima posizione con la Opel. La BMW è ventunesima e la Mercedes ventitreesima. L’ultima è la anglo -tedesca Mini. La Fiat è in penultima posizione, ma è appena dopo la Audi.

Anche se è vero che la Skoda è marchio Volkswagen è anche il marchio più economico del gruppo insieme a Seat, oltre ad essere prodotto il primo nella repubblica Ceca ed il secondo in Spagna. Il “Made in Germany” sembra invece aver perso quell’appeal di qualità che lo contraddistingueva. Che questa sia una delle ragioni del recente calo delle vendite?


Telegram Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi