Seguici su

Attualità

A Istanbul la CIA incontra i russi. Iniziano le vere trattative sulla guerra, o è solo un passaggio intermedio?

Pubblicato

il

 

In una rara apertura diplomatica di dialogo dopo nove mesi di guerra in Ucraina, il direttore della CIA William Burns si trova lunedì in Turchia per colloqui con la sua controparte russa volti a ridurre le tensioni nucleari tra le due superpotenze.

Burns terrà i colloqui con Sergey Naryshkin, il capo del Servizio di intelligence estera russo, o SVR, nella capitale turca Ankara. Si tratta del più importante incontro faccia a faccia tra funzionari statunitensi e russi da quando il Presidente Putin ha ordinato l’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio.

Il Cremlino ha confermato che l’incontro ha avuto luogo su richiesta di Washington. “Tali negoziati hanno davvero avuto luogo. È stata un’iniziativa della parte americana”, ha dichiarato alla TASS il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Secondo Al Jazeera, che cita fonti regionali, “Burns avrebbe avvertito Naryshkin delle conseguenze che la Russia avrebbe dovuto affrontare nel caso in cui avesse usato armi nucleari in Ucraina”.

I due capi dell’intelligence non starebbero discutendo della risoluzione della guerra in Ucraina, ma si starebbero concentrando sulla possibilità di uno scambio di prigionieri tra Stati Uniti e Russia e sulla riduzione delle tensioni nucleari. Il che, però, è un passo avanti oggettivo verso la pace.

Secondo un funzionario della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, citato dall’Associated Press:

Il funzionario, che non era autorizzato a commentare pubblicamente e ha parlato a condizione di anonimato, ha detto che Burns e Sergei Naryshkin, il capo dell’agenzia di spionaggio russa SVR, non avrebbero discusso della risoluzione della guerra in Ucraina. Burns dovrebbe sollevare i casi della stella dei Phoenix Mercury Brittney Griner e del dirigente della sicurezza aziendale del Michigan Paul Whelan, due americani detenuti in Russia per i quali l’amministrazione Biden ha fatto pressione per il rilascio in uno scambio di prigionieri.

Washington e gli alleati della NATO hanno a lungo accusato il Presidente Putin di aver lanciato minacce nucleari citando “linee rosse” in Ucraina – cosa che Putin ha negato, spiegando che le sue parole sono state estrapolate dal contesto. Il Cremlino ha ripetutamente affermato che la sua dottrina nucleare non è cambiata, spiegando che userà le armi nucleari solo se il territorio e la sovranità russa saranno direttamente minacciati.

Nel frattempo, al vertice del G20 di Bali di lunedì – al quale Putin non ha partecipato – il presidente Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno “riaffermato la nostra comune convinzione che la minaccia dell’uso di armi nucleari è totalmente inaccettabile”. I due hanno discusso dell’Ucraina, trovando un accordo comune sulla necessità di evitare l’inasprimento della retorica nucleare tra le superpotenze.

Ma la vera domanda rimane: la riconquista di Kherson da parte dell’Ucraina porterà a un serio tentativo di negoziazione? Certamente dà a Kiev l’influenza sul campo di battaglia che cercava da tempo. Anche voci influenti all’interno dell’amministrazione Biden hanno iniziato a parlare di spingere per la pace, ma finora hanno prevalso i falchi, sostenendo che l’Ucraina deve continuare il suo slancio militare e che cercare un cessate il fuoco suggerirebbe solo debolezza.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito