attualita' posted by

Uranio Saudita: anche l’Arabia si getta sul nucleare per il post petrolio

L’Arabia Saudita prevede di svilupparSaudita prevede di sviluppare le sue grandi  giacimenti di uranio al fine di sostenere il suo nascente programma nucleare e di vendere sul mercato mondiale, ha dichiarato il 12 gennaio il ministro dell’Energia, il principe Abdulaziz bin Salman, mentre il principale esportatore mondiale di petrolio greggio sembra diversificare il proprio mix energetico e la propria economia allontanandosi dagli idrocarburi.

“Abbiamo un’enorme quantità di risorse di uranio, che vorremmo sfruttare e lo faremo nel modo più trasparente”, ha detto il principe Abdulaziz al Future Minerals Summit di Riyadh. Il Future Minerals Summit è la prima conferenza mineraria dell’Arabia Saudita, con il regno che ha identificato il settore come una componente importante della sua roadmap di diversificazione economica Vision 2030.
“Porteremo partner e sfrutteremo quella risorsa… e ci svilupperemo fino alla “Torta gialla” (Yellow Cake) e monetizzeremo commercialmente quella risorsa”, ha aggiunto.

La “Torta gialla” è un termine che si riferisce a una polvere concentrata di uranio ottenuta dalla lavorazione intermedia dei minerali del minerale radioattivo. È un passaggio fondamentale per l’arricchimento dell’uranio per la fissione nucleare nei reattori sia per uso civile che per armi.

Non ci sono dati ufficiali pubblicati sulle riserve di uranio saudite. Nel 2018, il principe ereditario Mohammed bin Salman ha affermato in un’intervista che il regno deteneva oltre il 5% delle riserve mondiali. Nel 2020, un rapporto del quotidiano britannico The Guardian, basato su documenti interni trapelati, ha stimato i “depositi dedotti” del regno a circa 90.000 tonnellate, che equivarrebbero a circa l’1,4% delle attuali riserve globali.

L’Arabia Saudita attualmente non ha produzione di energia nucleare, ma ha affermato che aggiungerà circa 17 GW di capacità nucleare entro il 2040 e ha l’ambizione di portare in linea due reattori con una capacità combinata di 3,2 GW entro il prossimo decennio.

Il regno ha discusso con la Cina per sviluppare la tecnologia nucleare e in precedenza ha tenuto colloqui con gli Stati Uniti sotto l’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump per assicurarsi un cosiddetto “accordo 123” che gli consentirebbe di ottenere tecnologia dagli Stati Uniti. L’accordo limiterebbe l’arricchimento dell’uranio a scopo bellico.

Cosa spinge l’Arabia a questa scelta? I timori che la conversione ecologica energetica occidentale possa portare a una decadenza epocale del Regno, che da sempre fonda la propria ricchezza sull’esportazione del petrolio. In questo modo l’Arabia cerca di assicurarsi il proprio futuro energetico ed economico.

L’anno scorso l’Arabia Saudita ha presentato i piani in vista della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow per raggiungere l’azzeramento delle emissioni nette entro il 2060. I suoi obiettivi si applicano solo alle emissioni interne del paese e non coprono i gas serra rilasciati dall’uso del suo petrolio al di fuori del suo territorio. La società statale Saudi Aramco, la più grande compagnia esportatrice di petrolio al mondo, punta a zero emissioni nette entro il 2050. Nel frattempo però l’Arabia sta preparando i propri progetti per l’”Idrogeno Blu” da esportare, tramite gasdotti, direttamente verso l’Europa.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal