attualita' posted by

Un altro paradiso perduto: le isole Salomone in rivolta. Bruciati i palazzi pubblici

 

I disordini sociali hanno scosso la capitale delle Isole Salomonem, nell’Oceano Pacifico,  per il secondo giorno mentre i manifestanti anti-governativi hanno sfidato gli ordini restare a casa e bruciato gli edifici governativi.

Un coprifuoco è stato dichiarato mercoledì dopo che più di 1.000 rivoltosi si sono riuniti a Honiara, chiedendo le dimissioni del primo ministro Manasseh Sogavare per questioni diplomatiche estere. Non c’era alcuna parola su cosa esattamente abbia scatenato l’esplosione di violenza e o perché ora.
Secondo WaPo, giovedì il fumo nero scuro ha riempito il cielo sopra Honiara dopo che i rivoltosi hanno incendiato il Parlamento e molti altri edifici governativi.

 

Il crescente malcontento per l’impopolare cambio di relazioni diplomatiche di Sogavare da Taiwan alla Cina nel 2019 sembra essere il motivo per cui i rivoltosi sono sconvolti questa settimana.

La situazione ha continuato a peggiorare quando il primo ministro ha presentato una richiesta di assistenza di emergenza alla vicina Australia. Venerdì arriveranno circa 120 soldati e agenti di polizia dall’Australia.

“Il nostro scopo qui è fornire stabilità e sicurezza per consentire i normali processi costituzionali nelle Isole Salomone.

“Non è intenzione del governo australiano in alcun modo intervenire negli affari interni delle Isole Salomone. Sta a loro decidere.

“Siamo sempre stati lì per aiutare la nostra famiglia del Pacifico quando hanno avuto bisogno di noi, e questo è un momento”, ha detto ai giornalisti il ​​primo ministro australiano Scott Morrison in una conferenza stampa giovedì.

Mihai Sora, un ex diplomatico australiano a Honiara dal 2012 al 2014, ha detto a WaPo che il rapido deterioramento della capitale “è stato una sorpresa per molti”.

“Se l’Australia ha esitato, se ci sono voluti giorni o settimane per prendere in considerazione una risposta, la situazione potrebbe essersi deteriorata fino a un punto così basso in cui il recupero sarebbe stato difficile”, ha detto Sora.

Nei commenti all’ABC, Sogavare ha respinto le critiche nel porre fine alle relazioni con Taiwan a favore di Pechino. La crisi “è influenzata e incoraggiata da altre potenze”, ha avvertito, ma è difficile pensare che Taipei possa aver organizzato simili rivolte.

“Questi stessi paesi che ora stanno influenzando Malaita [l’isola principale della nazione] sono i paesi che non vogliono legami con la Repubblica popolare cinese”, ha continuato Sogavare.

Dopo queste accuse il governo delle Salomone ha chiesto aiuto…. al paese dell’area con le relazioni peggiori con Pechino.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal