attualita' posted by

Il portavoce della francese Total, tanto attiva in Italia, che considera “la Basilicata un posto di merda”: i francesi restano colonialisti e Total è il suo braccio armato contro l’Italia?

Quando ho letto la notizia sono saltato sulla sedia. Se il portavoce della Total considera tale la Basilicata, dove è sito il maggior giacimento petrolifero italiano dove la società francese estrae tanto petrolio, la situazione è gravissima.

Si sa, da sempre l’invidiosissima Francia vuole mettere le mani sule aziende e sulle risorse italiane, la Libya insegna. Ed anche Gheddafi, ucciso – si dice – dai francesi perchè troppo amico dell’Italia. Guarda caso Total è stata immischiata nello scandalo della Federica Guidi quando era in Eni, voi non ve lo ricordate ma io si (fu creato ad arte uno scandalo enorme). E lo sapete il motivo di tale scandalo?

Rovinare la reputazione di Eni, ammazzarla dal di dentro. Infatti l’obiettivo di Total – gli addetti ai lavori lo sanno benissimo – è prendersi Eni. Il motivo è presto detto: le riserve di Total sono in prospettiva scandalosamente basse mentre Eni negli anni ha saputo costruire risorse anche per il futuro con grande capacità di scoprire nuovi giacimenti, grazie anche a Saipem. Il colosso francese aveva scommesso tutto sulla Russia; poi un giorno di quattro anni fa il suo presidente (filo-russo), Christophe de Margerie, grande intenditore di champagne, morì in uno strano incidente aereo a Mosca. E fu così che il futuro petrolifero dell’azienda di fatto di Stato francese implose dalla sera alla mattina.

Siamo sinceri, anzi diciamola tutta: la procura di Milano, a vedere gli eventi, è sempre stata vicina (nel senso che CASUALMENTE ne ha ripetutamente gestito le fortunate sorti) agli interessi francesi in Italia. E non mi riferisco al cugino del procuratore capo di Milano (stesso cognome) fino a poco tempo fa a capo dei legali della filiale dell’azienda del Ministero della difesa francese del capoluogo meneghino. Chiaramente, nel caso, tale vicinanza è stata del tutto casuale, seguono altri fatti per meditare. Per iniziare, come non ricordare Diego Curtò, il giudice della sezione fallimentare che fece impropriamente fallire Montedison dietro il pagamento di una tangente.  Tangente la cui fonte ad oggi resta sconosciuta: che fosse arrivata dalla Francia? Chissà, sta di fatto che Montedison fu poi comprata dai francesi (assieme ai soci italiani di Fiat, quasi sempre loro e i Benetton coinvolti nelle svendite italiane che contano…) ed i suoi assets vennero spartiti tra i cugini di compagna, ehm, d’oltralpe…

E che dire degli elicotteri di Finmeccanica del caso India poco dopo il golpe del 2011? Se ricordo bene era il PM De Pasquale che indagava, ricordate il caos con l’India, con i marò fermati per anni in terra straniera? Eh si, essi furono bloccati come ritorsione, alla Farnesina lo sanno bene….

E sapete perchè? Azzardo: la Fondazione Nens, di fatto diretta da Enrico Letta, proponeva di vendere Finmeccanica ai francesi. Per bocca della ricercatrice (francese) Lisa Jeanne, poi scoperto essere nome de plume, ricercatrice della stessa Università dove è poi andato ad “insegnare” Enrico Letta, l’università dei servizi segreti d’oltralpe Science Po. Alla fine l’inchiesta su Finmeccanica fu incredibilmente archiviata, dopo aver fatto danni enormi al paese (l’appalto con l’India fu perso, chi l’avrà poi preso?). In tutto questo De Pasquale ha pagato per l’errore e soprattutto èer i danni che ha subito Finmeccanica e l’Italia, vista l’archiviazione? Nemmeno per sogno, siamo in Italia.

Se andiamo a vedere lo stesso PM De Pasquale è quello che indaga anche per le tangenti di ENI in Nigeria, con Descalzi oggi sul banco degli imputati. Sempre lui.

De Pasquale è inoltre lo stesso PM che sta indagando Berlusconi per la cessione del Milan, oltre ad averlo indagato in passato per frode fiscale sui diritti TV. Oltre ad essere il PM che segue l’accusa conto Vivendi (siamo sicuri che la Procura sia aggressiva come si deve coi francesi? Mah…).

Per inciso, sarebbe proprio un’inchiesta di De Pasquale quella tirata impropriamente in ballo da La Stampa contro Berlusconi in questi giorni, poi smentita dal procuratore capo di Milano, Francesco Greco. Fatto che ha fatto emergente l’eterna ruggine con il burattinaio in pectore Carlo De Benedetti

In ultimo De Pasquale è lo stesso PM che indagò in passato per la vendita di azioni Saipem, del gruppo ENI. Vedasi immagine. Lo stesso PM indagò anche Saipem per le tangenti in Nigeria… Ed anche Scaroni per le tangenti Saipem in Algeria… Per inciso, Saipem hanno cercato di farla cedere molte volte, Eni detenendo Saipem ha un vantaggio enorme rispetto ai competitor Europei…

Io faccio solo un parallelismo: secondo voi in Francia o in Germania un PM come De Pasqaule avrebbe potuto agire nella stessa maniera in cui ha operato in Italia? Io la riposta me la sono già data.

A scanso di equivoci riporto una lettera aperta che si può trovare su internet, che forse può esser utile per comprendere alcune sfaccettature (…). (vedasi LINK)

Certamente nel caso in questione i francesi applaudiranno certamente il nostro italico PM, anche perchè gli spazi lasciati ad esempio da Saipem bloccata per le indagini ha aperto spiragli enormi alle aziende francesi. Sembrerebbe anzi che nel post Monti ci sia stato un accumulo (diciamo casuale, …) di inchieste ed attacchi contro i gioielli nazionali, con un vero e proprio tentativo di mettere le mani su Eni, Finmeccanica etc. o sbaglio? La cosa che mi fa letteralmente schifo è sentire anche che poi, pur nel contesto sopra citato, il portavoce di Total consideri la Basilicata un posto di merda….

Faccio solo una domanda: se la Total di turno – ossia i francesi  – si compreranno tutte le aziende italiane (spostando gli utili all’estero, come fanno tutte le aziende della moda francesi che comprano le aziende italiane, ndr), come si farà fra 20 anni a pagare l’altissima pensione del dottor De Pasquale? Il collegamento col colonialismo francese  – mai sopito – è pleonastico.

Vedremo. Per intanto vi chiederei di meditare sui fatti e farvi un’idea della situazione (e poi votare di conseguenza).

Jetlag


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog