attualita' posted by

Stoccaggi e palle del Corriere. Cioè la scelta è fra stare al caldo d’estate o al freddo d’inverno, e comunque con le aziende chiuse

Il calo dell’apporto del gas russo viene regolarmente sottovalutato dai giornali mainstream. Alcuni giungono a dire delle vere e proprie balle. Prendiamo ad esempio il Corriere. che spaccia nell’articolo questa affermazione:

Peccato che NON sia vero, perché a Passo Gries il GAS esce dall’Italia, non entra. Altro che flussi in aumento, da quel metanodotto stanno PRELEVANDO metano, come mostrano i dati SNAM

Perché la realtà è ben diversa da come la presentano i giornali Mainstream. Come giustamente mette in evidenza @Durezzadelviver siamo molto più bassi di immissione rispetto agli anni precedenti. Le immissioni sono state molto più basse rispetto agli scorsi anni.

 

 

La verità è che :

  1. il Governo non ha fatto ancora niente. Per ora ha detto che sia “Parlerà della definizione dello stato di allerta”. Neanche è stato iniziato lo stato di allerta. Il governo prende le cose con calma, tantissima calma;
  2. non si sa ancora niente delle famose “Navi di gassificazione”. Il governo non è ancora stato neanche capace di trovare la giusta localizzazione, con Piombino che ha detto si dopo due mesi di pressione, due mesi persi;
  3. il “Giro del mondo” ha portato un po’ più di gas dall’Algeria, ma non sostituirà quello russo. Per quello africano ci vorranno ANNI. Si potrebbe incrementare un po’ la Libia, ma la Russia ha forti interessi e noi siamo letteralmente scomparsi;
  4. Nulla è stato fatto per la produzione nazionale. Nulla.

Quindi i giornali vi vogliono tranquillizzare, ma c’è ben poco da esserlo. Ci stiamo avviando alla scelta fra fare le scorte e chiudere gas , e luce, in estate oppure rischiare blackout in inverno. Il governo, che è abilissimo nel procastinare i problemi e non fare niente , probabilmente preferirà lasciare le aziende chiuse, e gli italiani a 16 gradi, quest’inverno.

Però ricordate: nulla di questo è casuale, ma è figlio delle scelte degli ultimi 20 anni.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal