attualita' posted by

SKY TV: SENZA PANEM NIENTE CIRCENSES

 

Ilaria D’Amico piange. Secondo notizie di stampa il suo contratto da un milione di euro annui si ridurrà a soli 250 mila. Una cura dimagrante importante, ma meno penosa rispetto a quella di tanti altri dipendenti Sky che rischiano di restare a casa nell’evento di chiusura ventilata di Sky TG sport.

Da utente sky di lunga data (non per mia volontà) questo è un evento prevedibile. La rete ha investito una cifra enorme per assicurarsi i diritti TV del calcio per 3 anni, in totale  superiore ad 1 miliardo di euro, nella speranza di attrarre tutti gli abbonati Mediaset Premium e raggiungere una adeguata profittabilità e magari i 7 milioni di abbonati che sono il suo obiettivo. Invece sono sempre inchiodati su poco più di 5, i costi sono enormi e bisogna tagliare.

Sky ha fatto l’operazione all’americana, ha puntato sul “Panem et Circenses” dando per scontato che il calcio avrebbe sanato ogni problema di audience, ma non è stato così. Da un lato DAZN, con una singola partita a giornata, ha portato via il 15% di abbonati, ed il 36% di Mediaset non ha rinnovato, magari perché non aspettava altro per disdire l’abbonamento. La domanda dovrebbe essere: “Quanto il pubblico vuole pagare veramente il calcio, e quanti lo vogliono veramente pagare”?

 

Il problema è semplice: mancano le risorse economiche per molte famiglie per sostenere il reddito, e quindi la prima cosa che si taglia, soprattutto se costosa, è proprio il divertimento, il calcio. Investire su questo settore in Italia quindi diventa molto problematico. Il tutto al di la’ della programmazione alternativa.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi