attualita' posted by

Shanghai: il lockdown senza fine. Cinesi furiosi e disperati

 

Covid. L’autorità sanitaria nazionale  cinese ha ribadito mercoledì il suo impegno per la sua politica “dinamica” di tolleranza zero mentre le autorità locali di Shanghai hanno confermato i peggiori timori per i circa 26 milioni di residenti dell’hub finanziario: quello che era stato inizialmente introdotto come un blocco scaglionato di 9 giorni è stato esteso “indefinitamente ” mentre il numero di nuovi casi confermati è salito a un nuovo record martedì.

Le autorità hanno contato più di 13.000 nuovi casi nella sola Shanghai, più della metà degli oltre 20.000 nuovi casi in tutto il paese. Secondo Bloomberg, questi conteggi hanno superato il bilancio dei primi giorni della pandemia, quando il virus imperversava ancora a Wuhan.


A dire il vero, l’aumento dei casi è in parte un fattore dell’ultimo regime di test di massa, ma ciò non ha impedito al PCC di imporre il blocco più draconiano da Wuhan  da cui è difficile tornare indietro per motivi ideologici.

A seguito di un incessante torrente di scandali, tra cui la separazione dei bambini positivi al COVID dai loro genitori, la copertura dei decessi nelle case di cura e la mancata risposta alla carenza di cibo e medicine, la popolazione di Shanghai ha raggiunto il suo punto di rottura.

Molti hanno accusato il PCC di aver violato il suo contratto con il popolo. E in una scena particolarmente memorabile, migliaia di abitanti di Shanghai sono scesi sui loro balconi per cantare in segno di protesta, sfidando le restrizioni di blocco del PCC.

Le rappresentazioni della scena veramente distopica si sono diffuse a macchia d’olio sui social media americani…

… mentre la gente del posto cantava dai loro balconi, i droni del governo hanno risposto e li hanno avvertiti di ritirarsi all’interno e di non “aprire le finestre” (apparentemente una violazione delle regole di blocco).

Incapaci nemmeno di portare a spasso i loro cani, le storie di gente del posto che permettevano ai loro cani di fare la cacca e fare pipì nei loro appartamenti si sono diffuse a macchia d’olio. Ecco di più da Al Jazeera:

A cinque giorni dall’ultimo lockdown, Vicky, che preferisce non condividere il suo cognome, si è trovata a fare qualcosa di completamente inaspettato: cercare di convincere il cane da salvataggio di un’amica, Mocha, che va bene andare in bagno all’interno del suo appartamento.

“Al momento mi sta fissando con occhi tristi da cucciolo come ‘perché non usciamo?’ e non so come spiegarglielo”, ha detto Vicky ad Al Jazeera via Skype. “Finora, ho appena provato a comunicarglielo, se fai la cacca per terra, non sarò arrabbiato con te, e due, se fai pipì e fai il bagno va bene, lo getterò semplicemente giù. È non un grande affare.”

Shanghai ha riportato 311 nuovi casi sintomatici e oltre 16.000 infezioni asintomatiche il 5 aprile, ha annunciato mercoledì il governo locale, con entrambe le misure superiori al giorno prima. Il blocco doveva finire ieri, ma è stato prorogato a tempo indeterminato fino a quando le autorità non avranno avuto l’opportunità di “esaminare i dati”, come riportato dal China Daily.

Come riportato ieri, circa 40.000 membri del personale (38.000 militari e 2.000 “medici”) sono stati inviati in città. Molti volontari e operatori sanitari si alzano presto per prepararsi ai test quotidiani e ad altri compiti (mentre altri rimangono svegli tutta la notte). Perché questo terrore a fronte di quella che sembra un’epidemia di Omicron?I cinesi, con la politica del Covid-Zero, hanno una copertura minima contro la malattia. Pochissimi sono i contagiati guariti, e i loro vaccini si sono rivelati anche meno efficaci dei nostri nei confronti di Omicron. Quindi anche pochissimi casi con evoluzione grave, su un altissimo numero di contagiati, viene a mandare il tilt il sistema sanitario.

Dopo aver affrontato un enorme contraccolpo sulla separazione dei bambini positivi al COVID (alcuni di meno di un anno) dai loro genitori, le autorità locali hanno deciso di abbandonare quella politica, riferisce Reuters.

Tuttavia, è emersa una nuova controversia poiché il governo avrebbe iniziato a uccidere gli animali domestici di individui positivi al COVID.

I media occidentali hanno riportato l’incidenza di lavoratori che si affollano negli stabilimenti per dormire (qualcosa che abbiamo segnalato per la prima volta più di una settimana fa).

Nel frattempo, le storie di abitanti malati di Shanghai a cui sono state negate le cure mediche hanno alimentato il panico tra la gente del posto, esacerbando i timori esistenti sulla carenza di cibo poiché milioni di persone sono ora costretti a fare affidamento sul governo per fornire rifornimenti.

L’impatto economico dell’ultimo round di lockdown è già visibile nei dati: proprio ieri sera, il Caixin Services PMI cinese è crollato a 42,0 a marzo da 50,2 di febbraio, il più grande calo in un mese da febbraio 2020.

E sebbene le autorità abbiano fatto tutto il possibile per mantenere aperti i porti, a marzo la congestione ha raggiunto il livello più alto mai registrato.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal