attualita' posted by

Rilevate microplastiche cancerogene nei polmoni e nel sangue dei pazienti: potrebbe essere dovuto all’uso di mascherine

Le particelle di plastica sono inquinanti onnipresenti nell’ambiente di vita e nella catena alimentare, ma nessuno studio fino ad oggi ha riportato l’esposizione interna delle particelle di plastica nel sangue umano. L’obiettivo di questo studio era sviluppare un metodo analitico e di campionamento robusto e sensibile con pirolisi a doppio colpo – gascromatografia/spettrometria di massa e applicarlo per misurare particelle di plastica ≥700 nm nel sangue intero umano da 22 volontari sani. Quattro polimeri ad alto volume di produzione applicati nella plastica sono stati identificati e quantificati per la prima volta nel sangue. Polietilentereftalato, polietilene e polimeri di stirene (un parametro somma di polistirene, polistirene espanso, acetonitrile butadiene stirene ecc.) sono stati i più incontrati, seguiti da poli(metil metacrilato). Il polipropilene è stato analizzato ma i valori erano al di sotto dei limiti di quantificazione. In questo studio su un piccolo gruppo di donatori, la media della concentrazione quantificabile somma di particelle di plastica nel sangue era di 1,6 µg/ml, mostrando una prima misurazione della concentrazione di massa della componente polimerica della plastica nel sangue umano. Questo studio pionieristico di biomonitoraggio umano ha dimostrato che le particelle di plastica sono biodisponibili per essere assorbite nel flusso sanguigno umano. È necessaria una comprensione dell’esposizione di queste sostanze nell’uomo e del rischio associato a tale esposizione per determinare se l’esposizione alle particelle di plastica sia o meno un rischio per la salute pubblica.

La misurazione delle sostanze chimiche tossiche nei tessuti umani è preziosa per confermare i livelli di esposizione e guidare le misure di protezione della salute pubblica. Una valutazione del rischio per la salute umana (HRA) per l’inquinamento da particelle di plastica non è attualmente possibile a causa della mancanza di dati sia sul rischio tossicologico che sull’esposizione umana (Leslie e Depledge, 2020, Vethaak e Legler, 2021). La misurazione dell’esposizione alle particelle di plastica è essenziale per l’HRA, tuttavia mancano metodi convalidati sufficientemente sensibili da rilevare tracce di frazioni di particelle di plastica di piccole dimensioni (<10 µm) nei tessuti biologici. “Microplastic” è un termine per particelle di plastica per le quali non esiste una definizione universalmente stabilita. In letteratura, la microplastica è spesso definita come particelle di plastica fino a 5 mm di dimensioni senza limiti di dimensioni inferiori definiti (ad es. Arthur et al., 2009, GESAMP, 2015, ECHA, 2019). “Nanoplastic” è un termine per particelle di plastica nell’intervallo submicronico, <1 μm. Nel campo delle nanotecnologie, “nanoplastiche” può riferirsi a particelle ingegnerizzate <100 nm, ovvero il limite di dimensione dell’applicazione della nanotecnologia. Per aggirare l’ambiguità dei termini particelle microplastiche e nanoplastiche in questo articolo faremo riferimento a “particelle di plastica” e, se del caso, definiremo la dimensione o la gamma di dimensioni. Il nostro studio riguardava le particelle di plastica che possono essere assorbite attraverso le membrane del corpo umano. Il nostro metodo definito operativamente ha preso di mira le particelle che potrebbero essere trattenute su un filtro con una dimensione dei pori di 700 nm, ovvero particelle di dimensioni ≥700 nm. Il diametro interno dell’ago utilizzato per la venipuntura (0,514 mm) può essere considerato il limite superiore della dimensione delle particelle che questo metodo potrebbe campionare.

Riportiamo dall’articolo pubblicato su EventiAvversiNews.com:

Un recente studio ha rivelato una verità inquietante. Microplastiche sono state rinvenute nei polmoni umani grazie a un’esame specifico.

Lo studio: “Detection of microplastics in human lung tissue using μFTIR spectroscopy“, riporta:

Le microplastiche sono state identificate in tutte le regioni dei polmoni umani utilizzando l’analisi μFTIR.Le fibre di polipropilene e polietilene tereftalato erano le più abbondanti. I risultati supportano l’inalazione come via di esposizione alle MP… Questi risultati supportano l’inalazione come via di esposizione per le microplastiche ambientali e questa caratterizzazione di tipi e livelli può ora informare condizioni realistiche per esperimenti di esposizione di laboratorio, con l’obiettivo di determinare gli impatti sulla salute[…]

 Risultati

Livelli di abbondanza di MP rilevati in campioni di tessuto polmonare umano

Un totale di 39 microplastiche sono state identificate all’interno di 11 dei 13 campioni di tessuto polmonare umano[…]Le microplastiche sono state, ad oggi, rilevate in campioni umani da campioni di cancro istologico del polmone (Pauly et al., 1998) e cadaveri (Amato-Lourenço et al., 2021) e da placenta umana (Ragusa et al., 2021)[…]

 Dopo la deposizione all’interno del polmone, i meccanismi di tossicità sono sconosciuti, ma le proprietà delle particelle come piccole dimensioni, densità, concentrazione, forma, tipo di monomero, percolati chimici e adsorbenti ambientali (ad esempio batteri, metalli pesanti e idrocarburi poliaromatici) sono state tutte suggerite come potenziali contributori alla citotossicità (Prata, 2018Wright e Kelly, 2017). L’infiammazione (Porter et al., 1999), i ROS e lo stress ossidativo (Schirinzi et al., 2017), il danno fisico da forma delle particelle, la fagocitosi frustrata (Donaldson et al., 1993), sono attualmente risposte cellulari suggerite all’esposizione alle microplastiche[…]


Lo studio ha scoperto particelle di microplastiche, presenti in molte mascherine indossate durante la pandemia di COVID-19, nel tessuto polmonare di 11 pazienti su 13 sottoposti a intervento chirurgico.

Il polipropilene (PP) e il polietilene tereftalato (PET) sono state le sostanze maggiormente rilevate nei polmoni.

La polvere di plastica e i detriti microscopici sono la stessa plastica utilizzata per produrre le onnipresenti mascherine chirurgiche, come riportato da questo studio pubblicato su PubMed : “Le mascherine usa e getta usate sono fonti significative di microplastiche per l’ambiente

Qui l’articolo completo:
https://www.eventiavversinews.it/gli-scienziati-scoprono-microplastiche-cancerogene-nei-polmoni-e-nel-sangue-dei-pazienti-e-potrebbe-essere-dovuto-alluso-di-mascherine/



Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal