attualita' posted by

Regno Unito: parte una rivoluzione, 75 mila persone non pagheranno più le bollette

 

La resistenza sta crescendo: più di 75.000 persone furiose nel Regno Unito si sono impegnate a non pagare la bolletta dell’elettricità in autunno, quando i prezzi saliranno nuovamente per adattrsi ai mercati internazionali.

75.000 persone si sono impegnate a scioperare il 1° ottobre! Se il governo e le compagnie energetiche si rifiutano di agire, lo farà la gente comune! Insieme possiamo imporre un prezzo equo e un’energia accessibile a tutti“, ha twittato “Don’t Pay UK“, un gruppo anonimo che sta guidando lo sforzo per far sì che più di un milione di britannici boicottino il pagamento della bolletta elettrica entro il 1° ottobre. Bisogna dire che, con i prezzi che raggiungerà presto l’energia, è una protesta molto semplice.

Lo sciopero arriva mentre una tempesta inflazionistica di prezzi energetici elevati ha cancellato i redditi delle famiglie. I britannici sono i più infelici degli ultimi trent’anni, poiché si prevede che l’inflazione raggiungerà il 13%. E mentre il governatore della Banca d’Inghilterra (BoE) Andrew Bailey ha aumentato i tassi d’interesse come mai in 27 anni per contenere l’inflazione, cresce il rischio di una recessione, senza considerare il fatto che l’aumento degli interessi non produce gas e non abbassa le bollette.

Il 1° ottobre, la famiglia media pagherà quasi 300 sterline al mese per l’energia elettrica, ha avvertito la BoE. Se si aggiunge l’aumento dei costi dell’energia elettrica alla crescita negativa dei salari reali, risulta evidente che le famiglie sono sottoposte a una forte pressione. Se si esclude l’impennata dei prezzi degli alloggi, del cibo e della benzina alla pompa, questa tendenza è insostenibile e potrebbe portare a instabilità sociali.

L’agenzia di stampa britannica Glasgow Live ha dichiarato che lo sciopero è simile alle “azioni della fine degli anni Ottanta e degli anni Novanta per combattere la poll tax introdotta dal premier Margaret Thatcher”. Per protesta, 17 milioni di persone si rifiutarono di pagare”.

Il giornalista finanziario ed emittente britannica Martin Lewis ha commentato così lo sciopero:

“Penso di poterlo classificare in modo più accurato ora, il grande movimento che sto vedendo è un aumento della crescita delle persone che chiedono il non pagamento delle bollette energetiche, un non pagamento di massa. In pratica, uno sciopero dei consumatori sulle bollette energetiche e l’eliminazione della legittimità del loro pagamento.

“Ci stiamo avvicinando a un momento di Poll Tax sulle bollette energetiche in ottobre e abbiamo bisogno che il governo se ne occupi, perché una volta che inizierà a diventare socialmente accettabile non pagare le bollette energetiche, la gente smetterà di pagarle e non si potrà tagliare fuori tutti”.

Nel frattempo, l’amministratore delegato dell’Ofgem (l’ente regolatore britannico per l’energia) Jonathan Brearley ha dichiarato sabato alla trasmissione Today della BBC Radio 4 che i cittadini non dovrebbero aderire allo sciopero per due motivi.

Prima di tutto, aumenterà i costi per tutti. In secondo luogo, se avete difficoltà a pagare la bolletta, la cosa migliore da fare è contattare la vostra compagnia energetica“.

E ha aggiunto: “Non incoraggerei nessuno a non pagare la bolletta, perché questo non fa altro che danneggiare ulteriormente la situazione, con un impatto personale“.

La scorsa settimana il governo britannico ha criticato il movimento, definendolo “altamente irresponsabile”.

Si tratta di un messaggio altamente irresponsabile, che in ultima analisi non farà altro che far lievitare i prezzi per tutti gli altri e influire sul rating del credito personale“, ha dichiarato un portavoce del governo citato da The Independent.

Don’t Pay UK ritiene che quest’inverno 6,3 milioni di famiglie britanniche saranno spinte nella povertà delle bollette elettriche, mentre altri milioni di persone sentiranno lo stress di un’inflazione fuori controllo.

Su Twitter i cittadini hanno reagito dicendo che “la rivoluzione è iniziata” e che “un po’ di disordini civili stanno arrivando nelle nostre strade e giustamente”.

Forse il coinvolgimento del movimento sarà un’eccellente proxy del crescente malcontento che serpeggia tra i britannici e che potrebbe sfociare in disordini civili quest’inverno, quando milioni di persone lotteranno per tenere le luci accese, il forno caldo e mettere il cibo in tavola. La situazione attuale non fa altro che sancire il fallimento epocale delle classi dirigenti degli ultimi 30 anni che hanno regalato al mercato, o meglio ad un pugno di oligopolisti, il settore energetico, senza nessun interesse né nella diversificazione , né nella sicurezza, né nel costo per i citrtadini. I risultati sono scarsità e povertà, ma i politici che lo hanno deciso sono sempre li. 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal