attualita' posted by

Possiamo eliminare la dipendenza da gas russo? AAHAHAAHHAAHAHAHAHAHAHAAH, ma certo, come no.

 

GAZPROM GASDOTTO NORD STREAM IMPIANTO GAS TUBO GRU

 

Nella settimana in cui Gazprom ha finalmente fatto ciò che l’Europa temeva avrebbe fatto e ha iniziato a tagliare le forniture di gas ai paesi che non erano disposti a pagarli in rubli, la dipendenza russa dal gas ha davvero colpito i riflettori. E almeno un paese in Europa crede di poter eliminare la sua dipendenza da esso prima di quanto si credesse in precedenza. Bloomberg ha riferito all’inizio di questa settimana che il Regno Unito potrebbe interrompere l’importazione di gas naturale russo prima della fine di quest’anno. Citando una fonte anonima che ha familiarità con i piani del governo, il rapporto rileva che le esportazioni di gas russe nel Regno Unito erano già una parte abbastanza esigua delle importazioni totali di gas da rendere possibile l’eliminazione graduale.

I dettagli su come esattamente il governo intendeva eliminare queste importazioni non sono stati divulgati, ma dato che l’anno scorso il gas russo ha rappresentato solo il 4% delle importazioni totali di gas del Regno Unito, sostituire la Russia con un altro fornitore non sarà affatto difficile come lo stesso esercizio sarebbe per la Germania.

Inoltre, i carichi di GNL russi, l’unica forma di gas russo importata dal Regno Unito, in arrivo nel paese sono ulteriormente diminuiti dall’inizio di quest’anno, rafforzando la convinzione di Downing Street che il Regno Unito possa sbarazzarsi del gas russo quasi senza problemi.

Ciò mette il Regno Unito in una posizione di segnalazione sufficientemente comoda, dalla quale può esortare i suoi alleati dell’UE a ridurre la propria dipendenza dal gas russo. Questi alleati, tuttavia, avranno difficoltà a seguire le orme del Regno Unito, poiché la Germania è l’economia europea più notoriamente dipendente dal gas.

L’UE discute ormai da settimane di embarghi energetici nei confronti della Russia e finora è riuscita solo a concordare un divieto di importazione di carbone, che entrerà in vigore da agosto. Ciò consentirà nel frattempo alle utility di fare scorta di combustibili fossili.

Sul tavolo c’è anche un embargo sul gas, ma diversi membri dell’UE hanno espresso una forte opposizione all’idea. In Germania, imprese e sindacati hanno unito le forze per sconsigliare un tale embargo, rilevando che devasterebbe l’economia tedesca ad alta intensità energetica. Un embargo petrolifero è una vendita altrettanto difficile per la Germania.

L’Europa, nel suo insieme, importa circa il 40 per cento del gas che consuma dalla Russia. L’anno scorso si trattava di circa 155 miliardi di metri cubi. Quest’anno, a causa della guerra in Ucraina, l’UE ha dichiarato che mirerà a ridurre di due terzi l’assunzione di gas russo entro la fine dell’anno, utilizzando una serie di misure, tra cui il passaggio al GNL, il risparmio energetico, un aumento delle energie rinnovabili e un aumento dell’uso del carbone per la produzione di energia.

Nel frattempo, tuttavia, i prezzi del gas sono aumentati di nuovo questa settimana dopo che Gazprom ha interrotto le consegne di gas a Polonia e Bulgaria. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha invitato i commercianti di energia europei a non pagare in rubli il gas russo. La tedesca Uniper, tuttavia, ha affermato di non aver avuto problemi a farlo. Anche Ungheria e Austria hanno detto che pagherebbero il gas russo in rubli.

L’asincronia tra Bruxelles e il mondo degli affari ha evidenziato ancora una volta gli inconvenienti della dipendenza energetica e l’importanza dell’approvvigionamento locale. Anche la relativa facilità del Regno Unito nel ridurre le importazioni di petrolio russe parla di quest’ultimo.

Ciò non significa che il Regno Unito sia privo di problemi e che sia un esempio da seguire per l’UE. Il mese scorso, l’associazione dell’industria energetica Offshore Energies UK ha avvertito che i produttori di gas del paese stavano lottando per aumentare la produzione, il che potrebbe minacciare la sicurezza dell’approvvigionamento. Ciò, ha affermato l’associazione, potrebbe far sì che il Regno Unito diventi dipendente dalle importazioni fino al 70-80% del suo consumo in futuro.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal