attualita' posted by

POPOLARI E BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO: LAVORI IN CORSO (BUONI E ONESTI, QUESTA VOLTA) di Marco Minossi

 

 

Il grosso della frittata è stato ormai fatto, tanto valeva modificare (significativamente) almeno qualche regola: se n’è fatto carico il Presidente del Consiglio in persona.

Parliamo del diktat della BCE di due anni fa: trasformare ed accorpare le Banche Popolari da un lato, e quelle di Credito Cooperativo dall’altro (per tagliare definitivamente i legàmi collaborativi e diretti con i territori dei distretti produttivi italiani di PMI, come la maggior parte di chi lavora e produce capì subito), recepito e poi spacciato dal governo di allora come una riforma che avrebbe salvato sia gli istituti che le imprese, più o meno piccoli entrambi.

Nel frattempo, rimase ovviamente sacro ed inviolato il sistema bancario tedesco, formato per più dell’ 80% proprio da Landesbanken e da Sparkasse, neppure soggette – peraltro – alla vigilanza della BCE!

Accogliamo quindi con gioia, tra le tante altre decisioni e pronunciamenti di questi giorni, i 90 giorni in più concessi dal Governo alle BCC per sottoscrivere il patto di coesione in una delle tre Holding; l’innalzamento al 60% della quota minima di capitale di ciascuna Holding che deve essere detenuta dalle sue BCC ( effetto “anti-annacquamento”); i margini di manovra autonoma attribuiti ad ogni singola banca cooperativa a basso rischio, che prevarranno rispetto a quelli della Holding di sua appartenenza.

Una restituzione di senso economico dell’esistenza, oltre che di dignità.

Almeno questo nel Milleproroghe c’è, ma ancor più è ciò che va ulteriormente rivisto e smantellato; i lavori sono in corso, per fortuna.

(Per distruggere basta un attimo, per ricostruire nell’ interesse nazionale ci vuole un po’ di più).


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog