attualita' posted by

Petrolio: le carenze produttive OPEC+ spingono i prezzi in alto

 

L’OPEC+, il cartello dei paesi produttori, ha aumentato la produzione, ma si tratta di una decisione poco più che teorica, dato che i paesi che ne fanno parte non riescono a raggiungere le quote di mercato assegnate.

A dicembre, l’OPEC+ ha aggiunto 253.000 barili al giorno alla sua produzione combinata, rimanendo ben al di sotto del suo obiettivo di 400.000 barili al giorno per un altro mese consecutivo in crescita. Naturalmente, questo ha alimentato la preoccupazione per la sicurezza dell’approvvigionamento globale tra le previsioni dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) secondo cui la domanda di petrolio supererà i livelli pre-pandemia entro la fine dell’anno.

La IEA ha preso un bel granchio previsionale, dato che, a causa di Omicron e del promesso aumento delle quote, aveva previsto un calo della domanda e un aumento dell’output. Invece la prima non è calata come atteso e la seconda non è cresciuta come previsto. Morale della favola le previsioni non erano giuste. Questa previsione sbagliata aiuta a spingere il petrolio verso i 100 dollari al barile.

“Queste aggiunte mensili [OPEC] sono sempre più nominali”, ha detto questa settimana al Wall Street Journal Bill Farren-Price, direttore dell’intelligence presso la società di consulenza Enverus. “Non sono completamente supportati da veri barili.”

“Il petrolio ha registrato una corsa straordinaria nelle ultime settimane, trainato da fondamentali molto rialzisti poiché l’offerta interrotta ha lottato per tenere il passo con la forte domanda”, ha detto l’analista senior di OANDA Craig Erlam a City A.M.

“L’OPEC e l’AIE hanno fatto riferimento alla resilienza della domanda dall’emergere dell’omicron nelle ultime settimane e l’incapacità dell’OPEC+ di raggiungere i propri obiettivi di produzione, o addirittura avvicinarsi, ha portato al tipo di azione sui prezzi unidirezionale che abbiamo testimoniare”, ha aggiunto Erlam.

Martijn Rats di Morgan Stanley ha dichiarato in una nota ai clienti che il greggio Brent potrebbe raggiungere i 100 dollari quest’anno durante il secondo trimestre, poiché le scorte globali di greggio diminuiscono e gli investimenti in nuova produzione rimangono limitati. Ha aggiunto che i prezzi elevati potrebbero persistere anche nel prossimo anno.

Qualunque siano le mosse future immediate dei prezzi del petrolio, resta il fatto che l’OPEC, la Russia e i loro partner dell’Asia centrale non sembrano essere in grado di attenersi alle loro quote di produzione per ragioni che vanno dai problemi politici in Libia ai problemi tecnici in Nigeria e alla diminuzione delle scorte capacità in Russia e nella maggior parte dell’OPEC.

La forza della domanda di petrolio sembra essere stata costantemente sottovalutata da alcuni previsori e ciò potrebbe aggiungere un maggiore potenziale al rialzo dei prezzi, e non solo nell’immediato. Un maggiore potenziale al rialzo deriverà dall’altro problema incombente nell’industria petrolifera: investimenti insufficienti.

Invece dal punto di vista dell’offerta si fa sentire il sotto-investimento, la mancanza di capitali per lo sviluppo dei giacimenti esistenti e la ricerca di quelli nuovi, attività necessaria per mantenere costante la produzione. Questo si fa sentire un po’ ovunque, perfino in Arabia. il calo della domanda di petrolio è stato sopravvalutato, le energie rinnovabili sono ben lontane dal sostituire completamente gli idrocarburi.

Morgan Stanley prevede che la capacità di produzione globale di petrolio di riserva si ridurrà da 6,5 ​​milioni di barili al giorno al momento a soli 2 milioni di barili al giorno entro la metà dell’anno. Questo sarebbe il risultato dell’aumento della produzione dell’OPEC e dei suoi partner secondo il loro accordo per tornare ai livelli di produzione pre-pandemia. E questo calo della capacità inutilizzata, secondo la banca d’investimento, spingerebbe il Brent a 100 dollari e oltre.

L’OPEC non vuole il petrolio a 100 dollari, perché questo incentiva eccessivamente fonti alternative e le quote di paesi fuori dal cartello. Però senza investimenti non c’è produzione…


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal