attualita' posted by

Petrolio: la rivolta in Kazakistan scalda i prezzi

 

Il petrolio greggio è balzato bruscamente giovedì ed è rimasto alto venerdì dopo le notizie secondo cui le proteste in Kazakistan avevano interrotto la produzione nel suo più grande giacimento, Tengiz.

Il greggio Brent era scambiato a oltre $ 82 al barile al momento della stesura, con il West Texas Intermediate a oltre $ 80 al barile dopo la notizia che la produzione di petrolio a Tengiz, nel Mar Caspio, è stata ridotta.

Secondo un rapporto Reuters, la riduzione era legata ai disagi alle linee ferroviarie causati da alcuni appaltatori che lavorano sul campo che avevano dichiarato il loro sostegno ai manifestanti.

“Le operazioni di produzione TCO continuano, tuttavia, c’è stato un adeguamento temporaneo alla produzione a causa della logistica”, ha affermato Chevron, l’operatore del campo come parte del consorzio Tengizchevroil, o TCO.

Il Kazakistan produce circa 1,6 milioni di barili al giorno di greggio, di cui 700.000 barili al giorno provenienti da Tengiz. Con l’accordo OPEC + oil cut, il paese dell’Asia centrale ha prodotto meno, anche se è stato criticato dai suoi partner per non aver rispettato i tagli. Per febbraio, la quota del Kazakistan è di 1,589 milioni di barili al giorno.

All’inizio di questa settimana sono scoppiate proteste in Kazakistan per l’aumento dei prezzi del carburante. Il governo aveva revocato i controlli sui prezzi del gas di petrolio liquefatto (GPL), che molti kazaki usano per alimentare i loro veicoli convertiti a GPL perché è più economico della benzina. L’aumento dei prezzi del carburante ha portato anche a un’impennata dei beni di consumo. Le proteste sono continuate anche dopo che il governo si è dimesso per placare i manifestanti ed è diventato violento.

In risposta, il presidente Kassym-Jomart Tokayev ha affermato che il tetto massimo del prezzo del GPL sarà modificato e i prezzi saranno ridotti.

La Russia sta inviando paracadutisti per aiutare a sedare le proteste in base a una decisione dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva. La CSTO è un’alleanza di sicurezza intergovernativa tra diversi ex stati sovietici, tra cui Russia, Armenia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan. Le proteste sono state sedate in modo violento, con decine di morti fra le forze dell’ordine e molte di più fra i rivoltosi.Russia e Kazakistan hanno accusato gli Stati Uniti di essere dietro a una sorta di fallita rivoluzione gialla.la situazione rimane sempre estremamente tesa e questo potrebbe farsi sentire sui prezzi delle materie prime anche in futuro.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal