attualita' posted by

Petrolio a 100 dollari nel 2022 e a 105 nel 2023: troppa domanda

I prezzi del petrolio potrebbero raggiungere $ 100 quest’anno e salire a $ 105 al barile nel 2023, sulla scia di un “deficit sorprendentemente ampio” sul mercato petrolifero ora a , afferma Goldman Sachs.

“È importante sottolineare che non prevediamo che il Brent venga scambiato al di sopra di $ 100/bbl per un supposto esaurimento del petrolio poiché le risorse di scisto sono ancora ampie ed elastiche”, hanno scritto gli strateghi di Goldman Sachs, tra cui Damien Courvalin e Jeff Currie, in una nota ai clienti datata lunedì, come portato da ZeroHedge.

A causa della sostituzione tra gas e petrolio, delusioni dell’offerta e domanda più forte del previsto nel quarto trimestre del 2021, le scorte dell’OCSE dovrebbero scendere entro l’estate ai livelli più bassi dal 2000, osservano gli analisti di Goldman. Inoltre, anche la capacità inutilizzata dell’OPEC+ dovrebbe scendere a livelli storicamente bassi di circa 1,2 milioni di barili al giorno (bpd).

“A 85 dollari al barile, il mercato rimarrebbe a livelli così critici, buffer insufficienti rispetto alla volatilità della domanda e dell’offerta, fino al 2023”, ha affermato Goldman Sachs.

Come risultato di questi fondamentali, la previsione spot del Brent della banca è di $ 105 nel 2023 e $ 96 al barile nel 2022.

Goldman Sachs vede i prezzi del greggio Brent a $ 90 al barile in questo trimestre, $ 95 nel secondo trimestre e $ 100 al barile nel terzo e quarto trimestre di quest’anno. Cifre che non si vedevano da anni, e il tutto senza imprevisti come, ad esempio, gli attentati degli Houthi contro  gli impianti petroliferi negli Emirati Arabi. C’è da augurarsi pure che le cose restino tranquille.

 

 

Martedì, i prezzi del greggio Brent hanno raggiunto il livello più alto da ottobre 2014, scambiando a oltre $ 87,90 a un certo punto all’inizio della giornata, poiché il premio per il rischio geopolitico è aumentato con gli attacchi Houthi agli Emirati Arabi Uniti e la questione Russia-Ucraina, tutto questo in mezzo a un mercato fisico stretto per il greggio.

Il mese scorso, Goldman Sachs ha previsto che i prezzi del petrolio potrebbero raggiungere $ 100 nel 2023 poiché la crescita della domanda supera quella dell’offerta.

All’inizio di questo mese, Jeff Currie, responsabile globale della ricerca sulle materie prime presso Goldman Sachs, ha affermato che le materie prime nel complesso erano destinate a un superciclo che potrebbe potenzialmente durare un decennio. Il responsabile delle materie prime di Goldman è anche molto rialzista sul petrolio a causa dei bassi investimenti nel settore e del fatto che solo due produttori di petrolio al mondo, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, hanno attualmente la capacità e i mezzi per pompare più petrolio di quanto ne abbiano fatto nel gennaio 2020, poco prima del COVID. Tutti gli altri stanno lottando, ha detto Currie.

“Questo mercato ha il potenziale per diventare molto stretto nel corso dei prossimi 3-6 mesi”, ha detto a Bloomberg Television in un’intervista all’inizio di questo mese.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal