attualita' posted by

Petrolio: 2022 caldo perchè si è investito poco

Il 2022 rischia di essere un anno caldo per il petrolio, per ragioni che vengono da lontano. L’origine, negli USA, può essere ricercata in un decennio di prezzi bassi del petrolio che ha mandato in perdita molte società petrolifere, distrutto i loro investimenti e anche quelli di chi credeva nel loro sviluppo.

Di conseguenza, gli investimenti in nuovi pozzi sono crollati del 60% dal loro picco nel 2014, causando l’abbandono da parte degli Stati Uniti. La produzione di petrolio greggio è crollata di oltre tre milioni di barili al giorno, o quasi il 25% quando il Covid-19 ha fatto sentire i propri effetti, per non riuscire a riprendersi successivamente.

Nell’ultimo rapporto sulla produttività della perforazione dell’Energy Information Administration, gli Stati Uniti hanno avuto 5.957 pozzi perforati ma non completati (DUC) nel luglio 2021, il valore più basso di qualsiasi mese da novembre 2017 da quasi 8.900 al picco del 2019. Con questo passo i produttori non riusciranno a sostituire i pozzi in esaurimento e la produzione è destinata a calare. 

L’EIA afferma che il forte calo dei DUC nella maggior parte dei principali Stati Uniti le regioni produttrici di petrolio onshore riflettono un maggior numero di pozzi completati e, allo stesso tempo, una minore attività di perforazione di nuovi pozzi, A dimostrazione del calo di attività nel settore del scisto.

Le due fasi principali della messa in funzione di un pozzo perforato orizzontalmente e fratturato idraulicamente sono:

  • la perforazione e
  • il completamento.

La fase di perforazione prevede l’invio di un impianto di perforazione e dell’equipaggio, che quindi perforano uno o più pozzi in un sito. La fase successiva, il completamento del pozzo, viene in genere eseguita da una squadra separata e prevede l’intelaiatura, la cementazione, la perforazione e la fratturazione idraulica del pozzo per la produzione. Proprio il fatto che si lavori in due fasi viene a comportare un aumento nel numero di DUC, pozzi incompleti. I pozzi si esauriscono poi molto rapidamente e bisogna continuare a trivellarne di nuovi.

Secondo i dati S&P Capital IQ, 27 importanti produttori di petrolio hanno triplicato la spesa in conto capitale tra il 2004 e il 2014 a $ 294 miliardi e poi l’hanno ridotta a $ 111 miliardi fino all’anno scorso. Una volta che i vecchi pozzi vengono chiusi perché esauriti, quelli nuovi non sono stati disponibili per colmare rapidamente il divario di produzione.  Si prevede che la spesa in conto capitale raggiungerà circa 135 miliardi di dollari l’anno prossimo, con un aumento del 21,6% a/a, ma comunque inferiore al livello di metà 2014, quindi non si sostituiranno i pozzi aperti in quel periodo. 

Le società poi sono diventate più selettive negli investimenti per garantire un miglior ritorno agli azionisti.  Un recente rapporto di Accountable.us afferma che 16 su 24 grandi Stati Uniti le società energetiche hanno aumentato i loro dividendi quest’anno, mentre 11 hanno pagato dividendi speciali per un totale di oltre 36,5 miliardi di dollari. Questo è un rapporto di pagamento piuttosto elevato considerando che il settore ha finora registrato profitti per $ 174 miliardi quest’anno. In effetti, i “dividendi variabili” che consentono alle aziende di aumentare i dividendi quando i tempi sono buoni e di abbassarli quando il gioco si fa duro è diventato uno strumento preferito per le compagnie petrolifere e del gas.

I prezzi di petrolio e benzina quindi non sono ancora al massimo e la disciplina dell’OPEC+, ben deciso a estrarre ogni goccia di utile possibile dall’Occidente e ora anche ben organizzato, garantisce che venga seguito questo percorso.

Quindi si prosegue con la prospettiva di una carenza di petrolio, fatto che sembrava impossibile negli ultimi anni. Secondo l’IEA, il consumo di greggio dovrebbe migliorare a 99,53 milioni di barili al giorno (bpd), rispetto ai 96,2 milioni di barili di quest’anno, a un soffio dal consumo giornaliero del 2019 di 99,55 milioni di barili. Ciò, ovviamente, dipenderà dal fatto che il mondo riporterà rapidamente sotto controllo la nuova variante Omicron di Covid-19.

L’aumento della domanda di petrolio metterà sotto pressione sia l’OPEC sia gli Stati Uniti. L’OPEC ha già dei problemi nell’aumentare la produzione di petrolio e la produzione da scisto USA non aumenterà come in precedenza nella storia.  Da scisto la produzione è stata in media di 11,2 milioni di barili al giorno nel 2021 rispetto a un record di quasi 13 milioni di barili al giorno alla fine del 2019. la produzione dovrebbe aumentare solo di 700.000 b/g nel 2022 a 11,9 b/g, secondo Rystad Energy.

Canada, Norvegia, Guyana e Brasile potrebbero provare a colmare il divario domanda-offerta, ma molti analisti lo ritengono improbabile. Quindi Barclays prevede un prezzo medio del 2022 a 76 dollari/barile contro i 73 attuale e Goldman Sachs pensa che il Brent arriverà a 85 dollari contro i 76,3 dollari attuali. Nessun sollievo per il mondo occidentale. 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal