attualita' posted by

Perchè la Norvegia “Verde” non rinuncerà a gas e petrolio

 

La Norvegia non ha ripensamenti sull’esplorazione e sugli investimenti petroliferi alla luce del rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) che suggerisce che non sarebbe necessaria alcuna nuova esplorazione di combustibili fossili per un mondo a zero. Il tutto in una nazione che, comunque ha una forte coscienza ecologica e che è, ad esempio, all’avanguardia nell mobilità elettrica.

Il più grande produttore di petrolio e gas dell’Europa occidentale sta raddoppiando lo sviluppo nella ricerca del petrolio e continua a considerare l’esplorazione e la produzione d’idrocarburi una parte fondamentale della sua economia e del reddito per lo stato.

Il settore petrolifero e del gas è un importante datore di lavoro e il principale contributore al cosiddetto fondo petrolifero, il più grande fondo sovrano del mondo con 1.300 miliardi di dollari di asset e partecipazioni dell’1,4% di tutte le società quotate del mondo. Una situazione che mette il paese al riparo da qualsiasi crisi e alla quale il governo non vuole rinunciare. Quindi, anche se la Norvegia sta scommettendo in grande sull’eolico offshore e sulla tecnologia di cattura del carbonio, ritiene comunque  che il petrolio e il gas possano continuare a creare valore a lungo termine e, soprattutto, preziosi posti di lavoro. Tutto questo è chiaramente contenuto nel libro bianco sull’economia del governo di Oslo.

“L’obiettivo principale della politica petrolifera del governo – facilitare la produzione redditizia nell’industria petrolifera e del gas in una prospettiva a lungo termine – è saldamente in atto”, ha affermato il ministro norvegese del petrolio e dell’energia, Tina Bru.

La Norvegia è diventata l’ennesimo paese produttore petrolifero che ha affermato che non smetterà d’investire in petrolio e gas da quando l’AIE ha suggerito in un rapporto di maggio che non si dovrebbe più effettuare   nuovi investimenti in combustibili fossili se vuole ottenere la neutralità climatica per il 2050.

Anche la Norwegian Oil and Gas Association ha commentato il rapporto IEA, affermando che “non condivide l’ipotesi che i membri dell’Opec da soli dovrebbero rappresentare più della metà della produzione di petrolio e gas per il mercato mondiale in una prospettiva del 2050. Se la domanda non diminuisce così rapidamente come ipotizza l’AIE nel suo scenario, e il lato dell’offerta viene contemporaneamente soffocato, la fornitura globale di energia potrebbe andare in crisi e portare a prezzi dell’energia molto elevati».

L’attività di esplorazione e produzione offshore della Norvegia è stata elevata nella prima metà del 2021 e sono attualmente allo studio molti nuovi sviluppi nel settore del petrolio e del gas, ha affermato la direzione del petrolio norvegese (NPD) all’inizio di questo mese.

Tra gennaio e giugno, sono state effettuate otto scoperte in aree mature vicine alle infrastrutture esistenti, che potrebbero consentire uno sviluppo economico delle nuove scoperte, rendendo così il Mare del Nord produttivo per molti anni in futuro.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal