attualita' posted by

Perchè esplodono i prezzi delle materie prime

 

Ma cosa sta succedendo al mercato delle materie prime, soprattutto di carattere energetico? Cerca di darci una spiegazione adeguata JP Morgan con la sua sezione dedicata proprio alle materie prime.

In teoria il desiderio decantato di giungere a un mondo “Emissioni zero” dovrebbe avere delle conseguenze opposte alle attuali.: il carbone dovrebbe essere sovrabbondante, il gas naturale dovrebbe non avere problemi di fornitura e il costo marginale dell’elettricità dovrebbe avvicinarsi allo zero man mano che le rinnovabili prendono il sopravvento. Forse, nel lungo periodo, queste affermazioni diventeranno vere, ma nel breve periodo non lo sono assolutamente e “Nel lungo periodo saremo tutti morti”, e soprattutto politicamente disfatti.

Prendiamo la situazione attuale: il consumo globale di carbone ha raggiunto il picco nel 2013, ma il prezzo del carbone termico è attualmente vicino al suo massimo storico, essendo più che raddoppiato negli ultimi mesi a ~ US $ 180/tonnellata. Lo stesso è successo al gas naturale liquefatto , che è passato da ~ US $ 7 a ~ US $ 20 / mmbtu negli ultimi mesi – anche questo massimo storico. I prezzi del gas naturale in Europa sono aumentati di pari passo, il che a sua volta ha determinato un forte aumento dei prezzi dell’elettricità: i prezzi del giorno prima in tutta l’Europa continentale sono passati da ~€50 a ~€150/MWh – avete indovinato, un massimo storico . Come effetto a catena, i prezzi dell’alluminio sono aumentati vertiginosamente, dai 2.000 $ USA/tonnellata di inizio anno ai 2.900 $ USA/tonnellata di oggi.

Questo è insolito, soprattutto perché l’economia globale deve ancora riprendersi completamente dalla crisi del COVID-19. Quindi non è un problema di eccesso di domanda. Cosa sta succedendo, secondo JP Morgan?

La combinazione di una ripresa post-COVID-19 e un clima insolitamente caldo ha aumentato notevolmente il consumo di elettricità quest’anno. La maggior parte dell’elettricità cinese è prodotta dal carbone, ma la produzione nazionale di carbone non è cresciuta pari passo, il risultato di riforme normative, investimenti insufficienti e ispezioni di sicurezza più rigorose. Un’altra importante fonte di produzione di elettricità in Cina è l’energia idroelettrica, ma a causa della siccità in alcune parti chiave del paese, anche quest’anno l’energia idroelettrica non è riuscita a crescere. Questo alla faccia di chi continua a ritenere quella idroelettrica una fonte costante…

Durante l’estate, ciò ha portato a crisi energetica che hanno costretto i governi regionali a ridurre i consumi: i lampioni stradali sono stati persino spenti di notte in un certo numero di regioni. Un’altra vittima di queste misure è stata la fusione dell’alluminio, che è un processo particolarmente energivoro e che è stata tagliata, mandando alle stelle il prezzo del metallo. Normalmente, la Cina fornisce circa il 60% dell’alluminio mondiale. Con la sua produzione ridotta e la domanda globale che continua a crescere, i prezzi dell’alluminio sono aumentati.

La carenza di carbone domestico della Cina l’ha costretta a rivolgersi al mercato internazionale. Tuttavia, anche la produzione di carbone altrove ha avuto i suoi problemi, ad esempio forti piogge e carenza di personale in Indonesia, interruzioni ferroviarie in Russia e disordini in Sudafrica. L’Australia, altro grande produttore di carbone di qualità, è fuori questione per motivi politici. Questo ha fatto crescere i prezzi del carbone sul mercato internazionale, e in special modo per la Cina.

Gli stessi fattori hanno spinto la domanda cinese di gas naturale liquefatto, ma qui la Cina non era sola. Ad esempio, la siccità in Brasile ha anche ridotto la sua produzione di energia idroelettrica, aumentando anche la domanda di GNL. Con una serie di interruzioni della produzione nei terminali di liquefazione, il mercato globale del GNL si è fortemente irrigidito negli ultimi mesi.

L’Europa è solitamente il mercato finale per una quota sostanziale del GNL mondiale e quindi ha pagato il prezzo di questo eccesso di domanda partito per ragioni che nulla avevano a che fare con questo prodotto. Allo stesso tempo, la produzione di energia dall’eolico offshore è stata deludente nel Nord Europa, dimostrando come affidarsi a sole fonti rinnovabili sia vacuo, aumentando la domanda di gas naturale. Tuttavia, con l’approvvigionamento di gas dalla Russia e da altre regioni limitato, l’Europa non è stata in grado di costruire scorte di gas naturale tanto quanto fa normalmente in estate. Le scorte di gas europee sono ora insolitamente basse per questo periodo dell’anno, con l’inverno che deve ancora iniziare. Poiché i prezzi del gas naturale determinano in gran parte i prezzi dell’elettricità, sono aumentati di pari passo.

Quali sono le conclusioni che se ne possono trarre?

  • Innanzitutto, questa sequenza di eventi mostra quanto siano interconnessi i mercati delle materie prime. Una siccità in Cina può far aumentare il prezzo dell’elettricità in Spagna, ma anche il costo delle lattine di bibite negli Stati Uniti.
  • In secondo luogo, quest’anno ha dimostrato quanto possa essere difficile anticipare tali mosse. Anche pochi mesi fa, l’opinione comune era che praticamente tutte queste materie prime fossero abbondanti e lo sarebbero diventate di più nel tempo.
  • Infine, mostra quanto poco margine di sicurezza ci sia nel sistema energetico mondiale, e questo ha importanti implicazioni per il futuro.
    Nei prossimi decenni, il mondo dovrà riorganizzare radicalmente il modo in cui produce e consuma energia.

Finora, il lato dell’offerta del sistema energetico si sta adeguando più velocemente dei nostri modelli di consumo. Il mondo è ancora nelle prime fasi del suo viaggio di decarbonizzazione, creando ulteriori fattori d’instabilità. Il loro impatto potrebbe essere sentito ben oltre i mercati dell’energia e delle materie prime, incidendo su tutto, dalla crescita all’inflazione alla politica.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal