attualita' posted by

Paolo Barnard è tornato, la crociata contro il potere finanziario è tornata

Ha portato la MMT in Italia ed ha lanciato per primo la crociata sovranista in Italia.

Oggi è arrivata l’antologia di Paolo Barnard, il meglio della sua produzione in tema di sovranismo. Tutto sulla MMT dal suo padre italiano.

È l’imperdibile bibbia del sovranista, oggi ad un prezzo super speciale per i lettori di Scenari Economici, edita a Gingko Edizioni.

È ritornato, più prorompente che mai e stavolta nessuno potrà fermarlo. È Paolo Barnard oggi più diretto e indiscreto che mai.

Ha co-inventato il programma Report, corrispondente erstero, uno dei massimi esperti in tema di Palestina, probabilmente l’unico giornalista italiano non in vendita.

Paolo Barnard è colui che ha introdotto in Italia la lotta al potere speculativo finanziario, prima che i pupazzi della politica e della TV trasformassero il sovranismo in un’arma di accattonaggio elettorale puntualmente disatteso.

Se le parole spread, tagli alla sanità, sovranità, keynesismo, 3%, default, uscita dall’euro, turbocapitalismo, deficit, sovranismo, lotta al potere finanziario, vengono pronunciate in Italia è perché un giornalista e ancor prima un Uomo le ha incastrate nel lessico attuale, tra un taglio ai diritti sociali e una privatizzazione, tra il massiccio suicidio di imprenditori e cittadini e di fatto quello di un intero Paese, il nostro.

Era già prima del 2011 – anno della deposizione di Berlusconi e dell’ascesa, anzi della discesa dal monte della Troika, di Mario Monti.

Paolo si trovava a predicare nel deserto e, seguito da uno sparuto manipolo di seguaci – qualche decina in tutta Italia – diede inizio ad una rivoluzione tutt’ora in corso anche se deviata e rallentata da politici ed accattoni di poltrone che nulla hanno a che fare col sovranismo; Cinquestelle in primis.

 

Prediche nel deserto, l'antologia sovranista d Paolo Barnard

 

Paolo Barnard, il primo a parlare di uscita dall’euro in Italia

Chi è il lupo cattivo? È un giornalista che scuote le coscienze o è un intero sitema internazionale che induce in schiavitù e povertà intere nazioni indotte a indebitarsi?
Dipende dal punto di vista. Dipende se ad essere turbato è il potere, è un’intera classe dirigente e politica, oppure una massa di cittadini appisolati sopra ad un ramo che qualcuno gli stava tagliando da sotto al cuscino delle proprie certezze.
Ora tutti vedono il Re nudo.

Adesso tutti sanno cos’è lo spread, cosa sono i tagli alla sanità, ma prima?
Ci sono voluti sonori schiaffoni al lavoro, all’occupazione, le frane e i crolli di scuole e ponti, container perenni laddove c’erano intere comunità, aumenti di tasse e tagli agli stipendi e ai posti letto per capirlo.

E se non fossimo in balia delle lune di un virus, oggi continueremmo a vivere sonni tranquilli in attesa del salvatore della Patria. Dello stellone italiano che che porta con sè sempre ricchi premi e cottillon come alla fine di un concorso a premi.

Ma c’era una volta qualcuno che lo aveva previsto anche se nessuno ha ascoltato fin tanto che eravamo in tempo per cambiare rotta.

Tutti gli altri sono arrivati dopo. E non è una nota di merito a Paolo ma di demerito di un sistema dell’informazione (in mezzo a tante virgolette), che ha snobbato i reali problemi dell’Italia e ha prodotto tifosi di fazioni opposte sui dettagli, che si scontrano sui social rimanendo quotidianamente sulla supeficie del disastro Italia.
Beghe da pollaio mentre veniamo fagocitati giorno dopo giorno dalla voracità di un sistema finanziario che non vediamo mai svelato in prima pagina.

No, non è nessuno dei VIP del giornalismo “di protesta” nostrano: Travaglio, Santoro, Scanzi, Gabanelli, ecc. si chiama Paolo Barnard.

 

Prediche nel deserto è il nuovo libro di Paolo Barnard

ACQUISTALO ADESSO AD UN PREZZO IRRIPETIBILE

 

Una sola voce contro corrente

Come mai dopo tutti i tagli, gli accorpamenti delle spese, la riduzione del personale pubblico, la riduzione degli sprechi e degli enti inutili, dopo Mani pulite e le manette ai tangentisti, ci troviamo più indebitati, precari e disoccupati di prima, mentre la mafia gode di ottima salute, Amazon e Facebook ingrassano e il potere ha cambiato la maschera ma è rimasto intoccato?

Beh chi ha letto il libro di economia spiegata facile e segue il nostro blog, dovrebbe saperlo bene.
Però quando nessuno lo sapeva, c’era qualcuno che lo spiegava con voce chiara e distinta dal rumore di sottofondo.
E si staccava nonostante sullo sfondo assordanti suonassero le fanfare celebrative della deposizione di Berlusconi e dell’avvento del messia Mario Monti.

Solo uno spirito controcorrente, che genericamente liquidiamo con l’aggettivo “pazzo”, poteva concepire palazzetti dello sport gremiti attorno, non ad una partita o ad un ring, ma ad un pugno di economisti di importazione che ci spiegavano all’alba del 2012 quello che vediamo oggi e continueremo a vivere nei prossimi anni.
Con un preavviso di, si fa per dire, appena otto anni, sapevano loro; Paolo Barnard e il suo manipolo di economisti, come sarebbero andate le cose.

Erano i tempi in cui la MMT sbarcava in Italia con concetti rivoluzionari come Keynesismo, spesa pubblica, investimenti pubblici, piena occupazione, ecc.

E mentre tutto attorno si scatenavano gli eventi a cui abbiamo imparato a cambiare nome con una sorprendente capacità di adattarci a chiudere gli occhi di fronte sempre allo stesso problema; il T-rex nel soggiorno.
Mario Monti, riforma Fornero, esodati, processo Ruby rubacuori, costi fissi in bolletta, tari, tasi, accorpamento dei comuni, spread, commissariamento, governo tecnico… in una parola CRISI.


 

Riscoprire il senso di tutto

Oggi Paolo Barnard vive a Londra, lontano da qui perché quello che poteva fare (a dire il vero molto di più) l’ha fatto e non vale più la pena insistere.
Continua a fare giornalismo d’inchiesta laddove un Paese ha saputo alzare la testa e sbattere in faccia la porta ad un sistema economico ingessato, vetusto, imbrigliato dalla finanza e da politicanti scarsi e immobile di fronte allo tsunami in corso.

Ma nonostante i tanti tentativi di imbavagliarlo o di comprarlo, oggi Barnard è tornato a parlare.
E lo fa con il meglio della sua produzione; una antologia del Barnard pensiero, anzi meglio, con il meglio della sua  denuncia.

L’unico pugno in faccia al sistema partito dall’Italia.

Se vuoi scoprire dove tutto è cominciato, prima che il sovranismo diventasse avanspettacolo puro e venisse inqunato dalla propaganda del potere, e do siamo destinati ad andare, sei ancora in tempo.

Si intitola Prediche nel deserto. Scopri il meglio del giornalista più rivoluzionario italiano degli ultimi 40 anni.

 

Prediche nel deserto è il nuovo libro di Paolo Barnard

ACQUISTALO ADESSO AD UN PREZZO IRRIPETIBILE


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal