attualita' posted by

Ops : gli USA dipendono da Cina e Russia per un minerale necessario alla produzione delle munizioni…

 

Negli ultimi anni gli Stati Uniti si sono affidati quasi interamente alla Cina – e in misura minore alla Russia – per procurarsi un minerale fondamentale per la produzione di munizioni.

Il minerale antimonio è fondamentale per la catena di approvvigionamento dell’industria della difesa ed è necessario per produrre qualsiasi cosa, dai proiettili perforanti agli esplosivi, alle armi nucleari e a diverse altre attrezzature militari, come gli occhiali per la visione notturna.

L’antimonio è ora in prima linea nei recenti sforzi del Congresso per rafforzare la riserva strategica di minerali di terre rare, nota come stock di difesa nazionale. Lo stock comprende una moltitudine di altri minerali critici per la catena di approvvigionamento industriale della difesa, come il titanio, il tungsteno, il cobalto e il litio, ma i legislatori prevedono che, in assenza di interventi correttivi, i minerali non saranno sufficienti a partire dal 2025.

La Commissione per i Servizi Armati della Camera ha affrontato per la prima volta la questione della presa della Cina sulla catena di approvvigionamento dell’antimonio in un progetto di legge pubblicato mercoledì. Una relazione che accompagna il disegno di legge richiederebbe al gestore delle scorte della difesa nazionale di informare la commissione sullo stato dell’antimonio entro ottobre, fornendo “una prospettiva quinquennale di questi minerali e le vulnerabilità attuali e future della catena di approvvigionamento”.

“La commissione è preoccupata per le recenti dinamiche geopolitiche con la Russia e la Cina e per il fatto che potrebbero accelerare le interruzioni della catena di approvvigionamento, in particolare per quanto riguarda l’antimonio”, si legge nel rapporto. Del resto i produttori di antimonio attuali al mondo sono pochi e quasi tutta la produzione è concentrata in tre stati.

Il progetto di legge richiederebbe inoltre al Dipartimento della Difesa di istituire una politica di riciclaggio delle batterie esauste per recuperare “metalli preziosi, minerali di terre rare ed elementi di importanza strategica (come il cobalto e il litio) nella catena di approvvigionamento o nelle riserve strategiche degli Stati Uniti”.

La sottocommissione per la preparazione della Camera dovrebbe approvare la bozza di testo giovedì, mentre il Comitato per i servizi armati dovrebbe presentare la legislazione come parte della legge annuale di autorizzazione alla difesa alla fine di questo mese. Fino al 1997 l’antimonio era prodotto anche negli USA, da una miniera d’oro dell’Idaho, ma per motivi economici la produzione era cessata nel 1997.

“Secondo un rapporto del 2020 dell’agenzia governativa U.S. Geological Survey, non esistono miniere nazionali di antimonio. “La Cina è il maggior produttore di antimonio estratto e raffinato e una delle principali fonti di importazione per gli Stati Uniti”. Il rapporto rileva che la Cina sta “perdendo quote di mercato con la Russia, il secondo produttore mondiale”, mentre il Tagikistan sta guadagnando terreno sul mercato globale come terzo fornitore mondiale di antimonio.

Il recente interesse dei legislatori per il rafforzamento delle scorte di minerali strategici per la difesa nazionale segna una svolta significativa per il Congresso, che negli ultimi decenni aveva ripetutamente autorizzato vendite multimilionarie della riserva per finanziare altri programmi. Al suo apice, all’inizio della Guerra Fredda nel 1952, la riserva era valutata quasi 42 miliardi di dollari in dollari attuali. Questo valore è crollato a 888 milioni di dollari l’anno scorso.

Quindi gli USA è meglio che si mobilitino per riattivare qualche miniera di antimonio sul proprio territorio, se vogliono produrre esplosivi e munizioni. Altrimenti saranno in balia ci Cina e Russia.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal