attualita' posted by

Nuovo studio USA: la Dieta Mediterranea può aiutare a combattere l’Alzheimer (ed il from farm to fork?)

 

 

Il modo migliore per ridurre il rischio di malattia di Alzheimer potrebbe essere una dieta mediterranea ricca di pesce, verdura e olio d’oliva, secondo un nuovo studio.

La ricerca, intitolata “Dieta mediterranea, biomarcatori della malattia di Alzheimer e atrofia cerebrale nella vecchiaia”, è stata pubblicata nel numero online di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology, e ha scoperto che una dieta mediterranea ricca può “proteggere” il cervello dall’accumulo e dal restringimento delle proteine ​​che possono portare alla malattia neurologica debilitante.

Lo studio esamina proteine ​​anomale chiamate amiloide e tau. La proteina precursore beta-amiloide svolge un ruolo fondamentale nella crescita e nella riparazione neurale. Tuttavia, più tardi nella vita, una versione corrotta può distruggere le cellule nervose, portando alla perdita di memoria, mentre la tau è una proteina che si forma in un groviglio. Entrambi si trovano nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer, ma possono anche essere trovati nel cervello degli anziani con una sana funzione cerebrale.

Sebbene non esista una definizione unica della dieta mediterranea, è tipicamente ricca di pesce, verdura, frutta, cereali integrali, fagioli, noci e semi e olio d’oliva. La dieta ha un basso apporto di acidi grassi saturi, latticini e carne rossa.

 

“Il nostro studio suggerisce che una dieta ricca di grassi insaturi, pesce, frutta e verdura e povera di latticini e carne rossa può effettivamente proteggere il cervello dall’accumulo di proteine ​​che può portare a perdita di memoria e demenza”, ha affermato lo studio autore Tommaso Ballarini, Ph.D., del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE) a Bonn, Germania. “Questi risultati si aggiungono al corpo di prove che dimostrano che ciò che mangi può influenzare le tue capacità di memoria in seguito”.

Ballarini e il suo team hanno osservato 512 persone nello studio. Di questi, 169 erano cognitivamente sani, mentre 343 erano a più alto rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Agli intervistati è stata posta una serie di domande su quanto seguissero da vicino la dieta mediterranea.

I ricercatori hanno quindi studiato il modo in cui ciascun intervistato ha seguito da vicino la dieta mediterranea e la relazione con il volume del cervello, i biomarcatori tau e amiloidi e le capacità cognitive. Si sono adeguati a fattori come l’età, l’istruzione e il sesso, scoprendo che coloro che seguivano la dieta mediterranea avevano una funzione cerebrale migliore di quelli che non lo facevano.

Osservando l’amiloide e la tau nel liquido spinale dell’intervistato, coloro che non seguivano la dieta mediterranea avevano livelli più elevati di amiloide e tau rispetto a quelli che lo avevano fatto.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che non hanno seguito la dieta hanno ottenuto punteggi peggiori nei test di memoria rispetto a quelli che lo hanno fatto.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per mostrare il meccanismo con cui una dieta mediterranea protegge il cervello dall’accumulo di proteine ​​e dalla perdita della funzione cerebrale, ma i risultati suggeriscono che le persone possono ridurre il rischio di sviluppare l’Alzheimer incorporando più elementi della dieta mediterranea nella loro diete quotidiane “, ha detto Ballarini.

A parte che questo spiega MOLTE COSE che succedono a livello europeo, ci chiediamo come la politica agricola del Km zero si potrebbe accordare con l Dieta Mediterranea, soprattutto in paesi come quelli Baltici o la Svezia.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal