attualita' posted by

NO AL “MATTARELLUM” di Socrate


La legge che nel ’93 modificò la legge elettorale della Camera dei Deputati fu chiamata “Mattarellum” dai commentatori politici in senso ironico e vagamente spregiativo, facendo, ad un tempo, riferimento al primo firmatario della proposta di legge (l’attuale Presidente) e allo strumento da cucina, mattarello, che, in ultima analisi, è un bastone, perché subito quella legge fu giudicata un “bastone” offerto alle segreterie di partito, per favorire, attraverso il secondo voto, sia visibilità a tutti i partiti e partitini coinvolti nelle principali coalizioni, sia posti “sicuri” ai vari capi e capetti, con le liste bloccate, espediente immediatamente apparso di scarsa democraticità.

Lo stesso Parlamento che aveva approvato la legge, quello eletto nel ’92, si stava apprestando a modificarla introducendo il doppio turno, quando il PDS ed il Partito Popolare decisero di correre al voto, spaventati dall’irruzione in politica di Berlusconi e Forza Italia.

In un sistema politico polipartitico i collegi maggioritari uninominali diventano una roulette russa in assenza di doppio turno, dando luogo a risultati paradossali: nelle elezioni del ’94 la maggioranza degli elettori votò contro Berlusconi, ma questi, grazie al turno unico, ottenne la maggioranza assoluta in Parlamento, infatti “Progressisti” e “Popolari”, divisi nel presentarsi al voto, erano tuttavia vicini politicamente.

Nel ’96 Prodi vinse, sebbene la maggioranza degli elettori avesse votato per la Lega ed il Popolo della Libertà, ed anche nel 2001 Berlusconi ottenne la maggioranza assoluta in Parlamento, sebbene la maggioranza degli elettori avesse rigettato la sua proposta politica, votando o il Centro-Sinistra o l’Italia dei Valori o SEL. Se in Francia si votasse col “Mattarellum” il Front National avrebbe partita vinta.

In un sistema politico, come il nostro ed il francese, i collegi uninominali si possono assegnare solo a chi ottenga la maggioranza assoluta dei voti espressi, con un ballottaggio, se nessuno dei candidati l’avesse ottenuta al primo turno: quindi o doppio turno, come in Francia, o sistema proporzionale, come in quasi tutti i paesi europei.

Il proporzionale può essere corretto per favorire la governabilità, senza uccidere la rappresentatività, che è l’anima della democrazia. Si può introdurre uno sbarramento, come in Germania, per eliminare i minipartiti, si può introdurre un premio di governabilità per il partito o la coalizione che ottengano la maggioranza relativa dei voti espressi, come in Grecia, ma tale premio non dovrebbe superare il 10%, così se un partito o una coalizione si fossero avvicinati alla maggioranza assoluta, potrebbero ottenerla, diversamente otterrebbero uno “stimolo” per favorire la nascita di governi di coalizione, evitando le “larghissime intese”, foriere di immobilismo politico.
Socrate

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog