Seguici su

Attualità

Muovere una nave da 20 mila tonnellate con un aquilone: la scommessa vinta di

Pubblicato

il

La start-up francese Airseas ha testato con successo un enorme aquilone che può aiutare a trainare le navi da carico nell’Oceano Atlantico, segnando un significativo progresso per l’industria del trasporto marittimo.

Il “Seawing”, un aquilone parafoil di 250 metri quadrati, è stato testato per la prima volta il mese scorso sulla Ville de Bordeaux, una nave da carico di 21.528 tonnellate lorde, secondo quanto riportato da un sito web di notizie sulla navigazione.

“Siamo orgogliosi di avere una soluzione che può aiutare le navi a ridurre le loro emissioni in questo momento e ad accelerare la decarbonizzazione del settore marittimo nei prossimi anni”, ha dichiarato Vincent Bernatets, CEO di Airseas, in un comunicato.

L’azienda ha già acquisito alcuni grandi clienti e ha installato alcuni dei sistemi di propulsione Seawing su navi portarinfuse.

Siamo lieti di confermare che abbiamo completato la prima installazione di un sistema Seawing per il nostro cliente “K” line (Kawasaki Kisen Kaisha, Ltd)“, ha annunciato Airseas la scorsa settimana in un post su Linkedin. “Il sistema è stato installato a dicembre su una nave bulk carrier Capesize. Questa è la prima di cinque navi della K Line a montare un Seawing, con un’opzione per un totale di altre 51 navi”.

Una nave portarinfuse da 210.000 tpl, che sarà alimentata a GNL e costruita presso il cantiere Nihon Shipyard, sarà la seconda nave dotata di Seawing. L’installazione avverrà quando la nave sarà consegnata nel 2024.

Che cos’è la tecnologia Seawing?
La soluzione integrata Seawing incorpora la tecnologia kite con un sistema di controllo di volo automatizzato creato dall’industria aerospaziale per catturare l’energia eolica. Il sistema è “sicuro, pulito, affidabile e compatto” e può essere facilmente implementato su qualsiasi nave commerciale per ridurre le emissioni e il consumo di carburante in media del 20%, sostiene l’azienda.

L’hardware del Seawing è composto da tre componenti:

  • Il sistema EcoRouting e il Seawing sono entrambi controllati e monitorati dal ponte di comando.
  • Il decollo e l’atterraggio autonomo dell’ala parafoil sono resi possibili dall’equipaggiamento del ponte. Il sistema comprende un albero, un’area di stoccaggio, carrelli e argani. Il sistema di carrelli estrae l’ala dal magazzino e la gonfia per il decollo in cima all’albero.
  • L’ala del parafoil, una capsula di controllo del volo e un cavo ombelicale sono tutte parti dell’apparato di volo che gestiscono il volo autonomo e ideale dell’ala. Il cavo ombelicale che collega l’ala alla capsula e la capsula alla nave gestisce la trazione, trasmette i dati e alimenta la capsula. Per massimizzare la potenza del sistema e mantenere la sicurezza, il pod guida l’ala mentre è in volo.

La tecnologia Seawing è montata tramite una semplice imbullonatura e occupa poco spazio sul ponte, rendendo semplice il rimontaggio durante una breve visita in porto. Può essere montata su quasi tutti i tipi di nave, non è vincolata da limiti di altezza e non ostacola le operazioni di carico, si legge sul sito web dell’azienda. Un aquilone o una vela statici hanno solo un decimo della potenza di trazione di un Seawing, che vola dinamicamente a oltre 100 km/h su una traiettoria a otto.

La finalità è quella di ridurre le emissioni di carbonio della navigazione commerciale, ma, senza dubbio, comporterà anche un sensibile risparmio nei consumi di carburante e quindi anche nei costi di trasporto. Il che è qualcosa di sempre benvenuto.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito