attualita' posted by

Metalli Rari: il dominio di Cina e Russia mette in pericolo l’Occidente

 

Gli Stati Uniti e l’Occidente hanno bisogno di una strategia più solida nella corsa per l’approvvigionamento di minerali critici che saranno cruciali per raggiungere uno qualsiasi dei loro obiettivi di energia pulita.

Gli Stati Uniti hanno riconosciuto di dipendere dalla Cina per le importazioni di metalli e minerali chiave necessari per la transizione energetica, le catene di approvvigionamento e la sicurezza nazionale. Eppure, mentre l’amministrazione sta ancora esaminando i problemi della catena di approvvigionamento e le vulnerabilità alla sua domanda di minerali critici, la Cina si sta muovendo verso l’Africa e il Sud America per stringere alleanze e prestare denaro ai paesi africani ricchi di risorse minerarie. Nello stesso tempo la Russia fornisce “servizi di sicurezza” ombra in alcune nazioni africane con un’organizzazione mercenaria legata al Cremlino.

Nella corsa globale per la sicurezza dei minerali rari critici, gli Stati Uniti stanno attualmente perdendo contro la Cina, e l’occidente, nonostante tutto, è in grave ritardo.

Gli Stati Uniti importano più della metà del loro consumo annuale di 31 dei 35 minerali critici, ha affermato il Dipartimento dell’EneDipartimento dell’Energia all’inizio del mandato del presidente Joe Biden. L’America non ha produzione interna per 14 di quei minerali critici ed è completamente dipendente dalle importazioni per soddisfare la sua domanda.

All’inizio del 2021, gli Stati Uniti hanno importato l’80% dei loro elementi delle terre rare (REE) direttamente dalla Cina, con le porzioni rimanenti indirettamente provenienti dalla Cina attraverso altri paesi, ha affermato DOE.

Nel 2020, la Cina rappresentava l’85% della produzione globale di prodotti raffinati di terre rare, con altri paesi asiatici (Malesia, India e Vietnam) e operazioni europee relativamente minori che rappresentavano il resto, ha affermato Wood Mackenzie in un’analisi dei REE nell’ottobre 2021 .

“La Cina ha anche consolidato la sua industria nazionale delle terre rare in sei imprese statali, conferendole un maggiore controllo sulla fornitura e sui prezzi delle esportazioni di terre rare a livello globale”, hanno affermato l’analista di WoodMac Ross Embleton e David Merriman, Manager, Battery & Electric Vehicle Materials.

Secondo Roskill, un’azienda di ricerca sulle materie prime di Wood Mackenzie, la Cina ha rappresentato il 54% dell’estrazione globale di elementi delle terre rare nel 2021 e un enorme 85% della fornitura di REE raffinate nel mondo. Per fare un confronto, l’anno scorso il Nord America ha rappresentato il 18% dell’estrazione di REE e la fornitura ZERO raffinata di tali elementi.

“La concentrazione geografica dell’estrazione di terre rare e della produzione raffinata ha da tempo sollevato preoccupazioni sul potenziale di interruzione dell’approvvigionamento e sugli ampi mercati di uso finale che servono”, hanno affermato Embleton e Merriman di WoodMac.

Circa il 90 percento della produzione di magneti al neodimio (NdFeB) avviene attualmente in Cina, nonostante gli sforzi per diversificare l’offerta estratta e raffinata. “Questo solleva preoccupazioni geopolitiche”, osservano gli analisti.

Al termine di una revisione di 100 giorni delle catene di approvvigionamento critiche e dei minerali critici, la Casa Bianca e l’amministrazione hanno deciso di istituire un gruppo di lavoro composto da agenzie federali “per identificare potenziali siti in cui i minerali critici potrebbero essere prodotti e trasformati in modo sostenibile e responsabile in negli Stati Uniti, aderendo ai più elevati standard ambientali, di lavoro, di impegno della comunità e di sostenibilità”.

Mentre gli Stati Uniti lavorano in gruppi di lavoro, Cina e Russia si stanno spostando nei paesi africani ricchi di risorse minerarie per accedere alle loro riserve in legislazioni con bassi standard ambientali, manodopera a basso costo e poche normative, Ariel Cohen, Senior Fellow presso il Consiglio Atlantico e principale fondatore della consulenza sul rischio International Market Analysis, note in Forbes.

La Cina sta prestando denaro e sta lavorando con le nazioni africane come parte della sua iniziativa Belt and Road, mentre la Russia si sta muovendo con il gruppo Wagner, un gruppo militare privato che si pensa abbia legami con il Cremlino. La Russia nega qualsiasi coinvolgimento statale con il gruppo o le sue attività in Africa, più recentemente nella Repubblica Centrafricana e in Mali. Però è indubbio che Wagner non si muova senza un interessamento diretto di Mosca.

Oltre a cercare di estrarre risorse minerarie in patria, gli Stati Uniti e l’Occidente dovrebbero sviluppare riserve minerarie strategiche critiche, simili alla Riserva di petrolio strategica degli Stati Uniti (SPR), da utilizzare in tempi di interruzioni dell’approvvigionamento, afferma Cohen.  Nel frattempo il Regno Unito ha deciso di creare un impianto del valore di 125 milioni di sterline, 150 milioni di euro nell Yorkshire per l’estrazione e la purificazione delle terre rare.

Senza terre e metalli rari la “Transizione energetica” e la “Digitalizzzazione” rimangono vuote parole. Però nella UE si fa pochissimo, a parte discutere.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal