attualita' posted by

L’Iran rifiuta seccamente la mediazione europea nelle trattative con Biden

 

L’Iran ieri ha rifiutato in modo deciso e definitivo dell’offerta dell’amministrazione Biden per colloqui diretti sul nucleare mediati dall’Unione Europea per ripristinare i termini dell’accordo nucleare JCPOA, secondo i diplomatici di alto livello citati nel Wall Street Journal.

Questa è la prevedibile risposta alla richiesta degli USA di tornare alla situazione ante 2018 sull’uranio impoverito, riverendosi specificamente ai livelli di arricchimento dell’uranio stabiliti dall’accordo del 2015  al fine di allentare le sanzioni. Teheran quindi  ha sottolineato che è stata Washington ad allontanarsi per primo dall’accordo.

La Repubblica islamica ha categoricamente “escluso” i colloqui a causa dell’intransigenza di Washington sulla riduzione delle sanzioni. “Due alti diplomatici occidentali hanno detto che l’Iran ha escluso la partecipazione a un incontro in Europa per ora, dicendo che voleva prima una garanzia che gli Stati Uniti revocassero alcune sanzioni dopo l’incontro”, scrive WSJ.

Più tardi nella giornata di domenica il leader supremo dell’Iran Ali Khamenei ha detto che gli Stati Uniti devono rispettare gli impegni prima perché “la Repubblica islamica ha rispettato a lungo tutti i suoi impegni JCPOA“, secondo un tweet.

Allo stato attuale quindi le trattative sembrano giunte a un punto morto: gli USA vogliono che prima Teheran decida d’interrompere l’arricchimento dell’uranio, Teheran vuole che prim cessino le sanzioni. Un classico stallo.

In mezzo al continuo avanti e indietro diplomatico alla ricerca di un certo livello di svolta per portare “ntrambe le parti al tavolo “, Francia, Regno Unito e Germania stanno lavorando a una risoluzione che intendono presentare al consiglio dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica la prossima settimana che censurerebbe l’Iran per i suoi recenti passi per espandere le sue attività nucleari e per la sua incapacità di cooperare con l’indagine dell’agenzia sul suo lavoro nucleare “, continua WSJ.

“L’Iran ha avvertito che se la mossa di censura andasse avanti, potrebbe porre fine a un accordo raggiunto all’inizio di questo mese con l’AIEA che consente alla maggior parte delle ispezioni internazionali di proseguire nel proprio lavoro”, osserva il rapporto.

L’Iran continua a sostenere la minaccia che in qualsiasi momento potrebbe limitare e allontanare gli ispettori dell’AIEA dal paese – ispezioni che continuano solo ora su base condizionale per 3 mesi.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal