attualita' posted by

Le tre soluzioni per la Russia nel Donbass

 

La situazione si sta scaldando sul confine fra Ucraina – Zona delle repubbliche del Donbasse di Lugansk, e Russia. L’esercito ucraino ha ammassato truppe e mezzi lungo la linea di separazione, mentre l’esercito russo ha schierato  le sue forze dalla loro parte del confine. Provocazioni, colpi di cecchino e altre provocazioni da parte ucraina e del Donbass si stanno intensificando, con la speranza di spingere i russi a spostare le forze in territorio ucraino, permettendo così all’Occidente collettivo di gridare “All’ggresione russa e magari interrompere il gasdotto Nord Stream II e risolvendo un problema geopolitico per gli USA, per giungere magari ad accordi più stretti fra Kiev e la NATO.

Per i russi non ci sono buone scelte, ma solo scelte ovvie.

  • Non rispondere alle provocazioni ucraine e non fare nulla mentre bombardano e invadono le città di Donetsk e Lugansk, uccidendo cittadini russi che vivono lì, farebbe sembrare la Russia debole, minerebbe la posizione del governo russo a livello nazionale e gli costerebbe una grande quantità di capitale geopolitico a livello internazionale.
  • Rispondere alle provocazioni ucraine con una forza militare schiacciante e spazzare via  l’esercito ucraino come è stato fatto in Georgia nel 2008. Ciò sarebbe popolare a livello nazionale, ma potrebbe potenzialmente portare a una grande escalation e forse a una guerra totale con la NATO. Anche se militarmente il conflitto fosse contenuto e le forze della NATO dovessero resistere, come hanno fatto in Georgia, le ramificazioni politiche causerebbero molti danni all’economia russa attraverso sanzioni inasprite e interruzioni del commercio internazionale.

Ci sarebbe una terza via, l’unica vincente, ma brutale, per Mosca, cioè l’evacuazione totale dei russi nelle due repubbliche ucraine ribelli: ci sono circa 3,2 milioni di residenti nella Repubblica popolare di Donetsk e 1,4 milioni  nella Repubblica popolare di Lugansk, per un totale di circa 4,6 milioni di residenti. Può sembrare un numero enorme, ma è piccolo rispetto alle   evacuazioni della seconda guerra mondiale.  La Russia ha già assorbito oltre un milione di migranti e rifugiati ucraini senza troppi problemi. Inoltre, la Russia sta attualmente sperimentando una grave carenza di manodopera e un’infusione di russi normodotati sarebbe la benvenuta, oltre che a creare un’ondata di nazionalismo favorevole  Putin.

Sul piano interno, l’evacuazione sarebbe probabilmente molto popolare: la Russia sta facendo il bene con la sua stessa gente tirandoli fuori dai guai. La base patriottica sarebbe energizzata e il movimento volontario russo già molto attivo entrerebbe in azione per assistere il Ministero delle Emergenze nell’aiutare a spostare e reinsediare gli sfollati. Le elezioni che si terranno entro la fine dell’anno si trasformerebbero in un partito di benvenuto a livello nazionale per diversi milioni di nuovi elettori. L’evacuazione del Donbass potrebbe aprire la strada ad altre ondate di rimpatrio che probabilmente seguiranno.  Poi questo potrebbe essere anche un’attrattiva per i 20 milioni di russi in giro per il mondo, spesso in situazioni non ottimali.

Speriamo che non si giunga a questa soluzione. Ed il Donbass? L’esercito russo ha gli strumenti per colpire gli ucrini anche passando sopra il Donbass, che resterebbe una terra cuscinetto.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal