attualita' posted by

La Polizia svedese si «arrende». Chiede aiuto alla gente

Le cose in Svezia sono talmente gravi che il 29 agosto la polizia svedese ha emesso un comunicato dal titolo “La violenza sta diventando estremamente grave”, che per la Svezia è un po’ una dichiarazione di guerra. Le forze dell’ordine hanno scritto:  “Recentemente, ci sono stati incidenti gravi e gravi atti di violenza legati a reti criminali, in cui diverse persone sono state uccise e altre gravemente ferite …

“A Stoccolma, due persone sono state uccise la scorsa settimana, e a Göteborg, gruppi criminali hanno cercato di dimostrare il potere controllando i veicoli che entrano in determinati distretti. All’inizio di agosto, una ragazza innocente di 12 anni è stata assassinata … , e in altre parti del paese ci sono conflitti tra varie reti criminali e anche altri crimini spietati. Venerdì sera si è verificata anche una violenta rivolta a Malmö dove diversi agenti di polizia sono rimasti feriti …

Il capo della polizia nazionale svedese, Anders Thornberg, ha lanciato una richiesta di aiuto dal resto della società: “La polizia svedese si trova in una difficile situazione operativa. Ora è tempo che la società si unisca alle forze di polizia“.

“Continueremo a combattere la criminalità organizzata con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione. tutto il buono nella società, tutto, dai funzionari comunali e dalla società civile alle forze dell’ordine e non ultimo il pubblico in generale, devono anche concentrarsi sull’affrontare la situazione attuale. La polizia deve garantire che i criminali vengano arrestati e possano essere perseguiti. I criminali devono sparire dalle nostre strade e piazze in modo che non vengano commessi crimini più spietati …

“La vita quotidiana che molti agenti di polizia devono affrontare quando vanno a lavorare in questo momento è preoccupante e molto stancante. Lavoriamo intensamente, 24 ore su 24, nonostante ciò, la grave violenza continua. La polizia è presente 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno. . Non ci arrendiamo e non ci tiriamo indietro, ma la situazione è attualmente molto stressante “.

La dichiarazione della polizia non ha menzionato che due ragazzi sono stati violentati, torturati e quasi sepolti vivi in ​​un cimitero vicino a Stoccolma. L’atrocità si è aggiunta al numero crescente di cosiddetti “crimini di umiliazione“. Si tratta di crimini in cui la vittima non viene solo derubata, ma anche violentemente umiliata per dimostrare il potere dell’autore. Un altro crimine di questo tipo, ad esempio, è avvenuto a Göteborg nell’ottobre 2019, quando una banda criminale ha costretto la loro vittima a baciare i piedi del leader della banda, mentre lo riprendevano. Dopodiché, gli hanno calpestato la faccia finché non ha perso conoscenza.

La Svezia sta perdendo il controllo del proprio territorio “, ha detto recentemente Ivar Arpi, un editorialista svedese al quotidiano danese Berlingske Tidende.

Questi crimini efferati e queste umiliazioni sono collegati a una cultura del ghetto … Ai giornalisti non piace scriverne, i politici non vogliono parlarne e i ricercatori non vogliono toccarlo. C’è un’ignoranza sistematica“.

Recentemente a Malmoe vi è stata una vera e propria rivolta di immigrati che hanno  sparato fuochi d’artificio e lanciato pietre contro la polizia. La zona interessata  era Rosengård, una cosiddetta “area vulnerabile”, popolata principalmente da immigrati. Le riprese video pubblicate sui social media hanno mostrato i rivoltosi che gridavano “Allahu Akbar” e “Ebrei, ricordate Khaybar, l’esercito di Maometto sta tornando” – un riferimento al massacro degli ebrei di Khaybar da parte del profeta islamico Maometto e dei suoi seguaci nel anno 628, in quella che è oggi l’Arabia Saudita. Il Consiglio ufficiale delle comunità ebraiche svedesi ha rilasciato una dichiarazione in reazione alla rivolta, dicendo che è tempo che la polizia inizia a prendere sul serio questo tipo di minacce.

Nel sobborgo di Göteborg di Angered, una banda criminale ha istituito posti di blocco e li ha presidiati con uomini armati mascherati che hanno controllato l’identità delle persone che entravano e uscivano dalla zona. Secondo Berlingske Tidende, i blocchi stradali sono stati istituiti da una banda incentrata sulla famiglia Ali Khan, che si occupa di frodi finanziarie e altri crimini. Il clan è stato denunciato alla polizia più di 200 volte ma la polizia ha dovuto chiudere quasi tutti i casi perché la banda minaccia le vittime ed i testimoni di tacere.

Cimiteri e chiese sono normalmente vandalizzate soprattutto vicino alle grandi città, come a Malmoe, dove la chiesa  Västra Skrävlinge è stata devastata e le statue distrutte. Naturalmente si chiede aiuto alla polizia, ma cosa può fare questa quando già si sta rivolgendo ai cittadini?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal