attualita' posted by

Intervista a Rinaldi del quotidiano olandese “De Telegraaf” di Maarten van Aalderen.

 

Pubblichiamo l’intervista del quotidiano olandese De Telegraaf a Rinaldi del corrispondente a Roma Maarten van Aalderen.

Il professore italiano Antonio Maria Rinaldi è critico nei confronti dell’intervento olandese sul suo paese.

Con fatica e dolore, il governo italiano sta ancora cercando di soddisfare le richieste di Bruxelles di ridurre il deficit di bilancio. È possibile che il governo di Conte e l’UE troveranno ancora un accordo. Eppure a Roma è rimasto l’amaro inbocca, anche per quanto riguardo l’atteggiamento dell’Olanda.

Il professore italiano Antonio Maria Rinaldi della Link Campus University di Roma si trova spesso sui media nel suo paese e ha scritto alcune opere critiche sull’euro.

“Qui in Italia siamo molto delusi dall’atteggiamento dell’Olanda, che è stato il primo paese che si è messo contro il bilancio del governo italiano. Sembra quasi che l’Olanda abbia agito per conto della Germania, perché la Germania stessa per ovvi motivi non poteva apparire in prima persona”, dice Rinaldi, che è stato uno studente dell’attuale ministro degli Affari europei Paolo Savona, che ha molta influenza all’interno del governo e con il quale ha ancora regolarmente contatto.

L’Olanda non è stato l’unico paese che ha criticato il bilancio italiano per il 2019. I paesi dell’UE sono stati unanimi nella critica nei confronti di Roma. Ma il professore vede delle differenze. “La Germania ha mostrato più comprensione per la nostra difficile situazione. Nonostante la nostra grande capacità industriale, non abbiamo una crescita del PIL e abbiamo una disoccupazione troppo alta. Se l’UE avesse formulato delle ricette economiche risolvendo questi problemi, vedrebbe qui in Italia la gente camminare con le magliette azzurre e con le stelle dell’UE. Ma questo non è avvenuto. E non si deve dimenticare: un’Italia forte crea un’Europa forte. Se l’Italia è in ginocchio, questo vale anche per l’Europa “, avverte l’autorevole 64enne professore.

Rinaldi sottolinea che la stessa Olanda sta infrangendo le regole sul surplus commerciale che sono fissate al 6% del PIL. “Il surplus commerciale dell’Olanda è addirittura superiore al 10%. Uno dei motivi per cui la costruzione monetariadell’euro è imperfetta è perché consente di accumulare deisurplus di alcuni paesi. Se l’Olanda avesse il fiorino, sicuramente non avrebbe mai avuto questo surpluscommerciale, perché la propria valuta sarebbe stata molto più valutata rispetto alle altre valute “, dice Rinaldi.

“Visto che l’Olanda è così severa con noi sulle regole, anche l’Italia sarà molto più severa sulle regole. Se vogliamo che le regole siano rispettate, tutti devono rispettarle “, dice il professore.

Uno dei problemi è il debito pubblico altissimo in Italia, oltre il 130% del PIL. Questo è il motivo per cui anche gli altri paesi dell’UE sono così critici nei confronti di questo bilancio. “Una politica di ulteriore austerità, come abbiamo fatto in passato, aiuterebbe a risolvere i problemi?” si chiede Rinaldi. “Si tratta del rapporto tra debito e crescita del PIL. Se esiste una politica espansiva che faccia salire il PIL, anche il debito pubblico sarà molto, molto meno pericoloso “.

Ma Bruxelles non è convinta che il bilancio del governo italiano stimoli effettivamente la crescita economica. “È diventato ormai un problema prettamente politico. L’attuale Commissione europea è l’espressione dei due gruppi parlamentari, i popolari e i socialisti, che sono all’opposizione in Italia. In Italia non c’è alcuna opposizione, quindi la Commissione europea la sta facendo. Ma quella Commissione europea presto sarà cambiata. A proposito, c’è una critica nei confronti del nostro deficit di bilancio del 2,4%. Ma cosa pensa l’Olanda del più ampio deficit di bilancio di paesi come Spagna e Francia? “

Una critica al bilancio italiano è, per esempio, lo stravolgimento della riforma delle pensioni in Italia. Si puòandare in pensione all’età di 62 anni se si è lavorato per 38 anni, mentre le persone diventano sempre più anziane. “Viene offerta solo una opportunità di andare volontariamente prima in pensione con una penalizzazione. Questi sistemi esistono anche in altri paesi. In Italia, tuttavia, le persone sono sorprese che il personale di alcune istituzioni europee possa andare in pensione a 55 anni, anche se esiste la penalizzazione. Che diano il buon esempio!”

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog