attualita' posted by

India: pericolo di blackout perfino a Nuova Delhi

A causa di una combinazione di fattori, tra cui la spinta degli ambientalisti per l’energia “verde” come l’energia eolica e solare, oltre che alle crisi di carattere logistico legate al Covid-19, blackout e problemi energetici si stanno ripetendo in tutto il mondo, ma in questo momento soprattutto in Asia.

Nel momento in cui le autorità cinesi che ordinano alle aziende energetiche di risparmiare il più possibile, numerose centrali elettriche in tutta l’India potrebbero essere costrette ad adottare blackout a intermittenza, ma continui, a causa dell’esaurimento delle scorte di carbone. Un ministro ha perfino avvertito che la stessa capitale New Delhi, megalopoli da 21 milioni di abitanti, potrebbe esserne colpita. Come lei due stati,  .Tamil Nadu e Odisha, che hanno lanciato un allarme sulla scarsità di carbone.

Secondo il ministro dell’Energia di Delhi Satyendra Jain, più della metà delle 135 centrali elettriche a carbone dell’India, che forniscono circa il 70% dell’elettricità del paese, hanno visto le loro scorte esaurirsi a livelli così bassi che hanno solo abbastanza per garantire energia per tre giorni prima che la capitale venga colpita da blackout. In genere, dovrebbero mantenere una scorta di almeno un mese. Ma questi non sono tempi normali.

“Se l’offerta di carbone non migliora, ci sarà un blackout a Delhi tra due giorni”, ha detto oggi il ministro dell’Energia della capitale nazionale, Satyendra Jain. “Le centrali elettriche a carbone che forniscono elettricità a Delhi devono mantenere una scorta minima di carbone di un mese, ma ora è scesa a un giorno”, ha detto Jain.

L’Aam Aadmi Party del primo ministro Arvind Kejriwal sta supplicando il governo di inviare forniture di emergenza di carbone: “la nostra richiesta al centro è che vengano organizzati vagoni ferroviari e che il carbone venga trasportato al più presto agli impianti. Tutti gli impianti sono già in funzione con una capacità solo del 55%”, secondo NDTV.

Naturalmente, il governo indiano incredibilmente attento all’immagine respinge queste notizie e questi allarmi, con il ministero nazionale del carbone che insiste sul fatto che c’è una quantità sufficiente di carburante per soddisfare la domanda delle centrali elettriche e che l’intero sistema si sta riprendendo rapidamente dopo che i pesanti monsoni hanno limitato le spedizioni di carbone, per BBG.

Il ministro dell’Energia Jain si è lamentato poi del fatto che l’attuale situazione in India è stata “creata dall’uomo”, soprattutto dall’Occidente e dalle sue pressioni per cessare l’uso del carbon fossile. un bel calcio nel sedere a Greta e ai suoi amici. 

Come abbiamo notato sopra, la carenza di energia non si limita all’India. In questo momento, le economie di tutto il mondo (dalla Cina al Regno Unito, dall’Europa all’Afghanistan) stanno lottando per mantenere un approvvigionamento adeguato mentre i prezzi dell’energia aumentano, guidate da un balzo della domanda durante la ripresa post-COVID. Tutto questo comunque mostra quanto il carbone sia ancora necessario e che Greta e amici avrebbero fatto meglio prima a pensare ad installare nuove forme di generazione energetica, e poi ad eliminare il carbone.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal