attualita' posted by

Il programma cinese di controllo mondiale di Internet

 

Il leader cinese Xi Jinping ha diretto personalmente il regime comunista a concentrare i suoi sforzi per controllare Internet globale, sostituendo il ruolo influente degli Stati Uniti, secondo i documenti del governo interno recentemente ottenuti da The Epoch Times.

In un discorso del gennaio 2017, Xi ha affermato che il “potere di controllare Internet” era diventato il “nuovo punto focale del concorso strategico nazionale [della Cina]” e ha individuato gli Stati Uniti come una “forza rivale” che si frapponeva alla ambizioni del regime.

L’obiettivo finale per il PCC è il controllo dei contenuti su Internet in modo da poter monopolizzare la discussione mondile. Si tratta del  “potere del discorso”, sulle comunicazioni e le discussioni sulla scena mondiale.

Xi ha articolato una visione di “utilizzo della tecnologia per governare Internet” per ottenere il controllo totale su ogni parte dell’ecosistema online: applicazioni, contenuti, qualità, capitale e manodopera.

Le sue osservazioni sono state fatte alla quarta riunione dei dirigenti del principale regolatore di Internet del regime, la Commissione centrale per gli affari del cyberspazio, a Pechino il 4 gennaio 2017, e dettagliate nei documenti interni emessi dal governo provinciale di Liaoning nel sud-est della Cina.

Le dichiarazioni confermano gli sforzi compiuti da Pechino negli ultimi anni per promuovere la propria versione autoritaria di Internet come modello per il mondo.

In un altro discorso pronunciato nell’aprile 2016, dettagliato in un documento interno del governo della città di Anshan nella provincia di Liaoning, Xi ha proclamato con sicurezza che nella “lotta” per il controllo di Internet, il PCC si è trasformato da giocare “difesa passiva” a giocare entrambi ” attacco e difesa ”allo stesso tempo.

Avendo costruito con successo l’apparato di censura e sorveglianza online più vasto e sofisticato del mondo, noto come Great Firewall, il PCC sotto Xi si sta rivolgendo verso l’esterno, sostenendo un Internet cinese i cui valori sono in contrasto con il modello aperto sostenuto dall’Occidente. Piuttosto che dare priorità al libero flusso di informazioni, il sistema del PCC si concentra sul dare allo stato la capacità di censurare, spiare e controllare i dati di Internet.

quindi c’è la rivalità strategico con gli USA. Il leader cinese ha riconosciuto che il regime era in ritardo rispetto al suo rivale, gli Stati Uniti, l’attore dominante in questo campo, in aree chiave come la tecnologia, gli investimenti e il talento.

Per realizzare le sue ambizioni, Xi ha sottolineato la necessità di “gestire le relazioni Internet con gli Stati Uniti”, mentre “si preparava a combattere una dura guerra” con il Paese in quest’area.

Le società americane dovrebbero essere utilizzate dal regime per raggiungere il suo obiettivo, ha detto Xi, senza approfondire come ciò sarebbe stato fatto.

Ha anche diretto il regime ad aumentare la sua cooperazione con l’Europa, i paesi in via di sviluppo e gli stati membri della “Belt and Road Initiative” di Pechino, per formare un “contrappeso strategico” contro gli Stati Uniti.

La BRI, il progetto infrastrutturale per collegare Cina ed Europa, finanziato da Pechino, ha anche spinto i paesi a sottoscrivere progetti per la “via della seta digitale”, quelli che coinvolgono le infrastrutture tecnologiche dell’informazione e della comunicazione. Almeno 16 paesi hanno firmato protocolli d’intesa con il regime per lavorare in questo settore.

Il tridente del dominio mondiale della Cina. Xi ha ordinato al regime di concentrarsi su tre aree “critiche” nella sua ricerca del controllo di Internet globale.

  • In primo luogo, Pechino deve essere in grado di “stabilire le regole” che governano il sistema internazionale.
  • In secondo luogo, dovrebbe installare teste di legno del PCC in posizioni importanti nelle organizzazioni Internet globali.
  • In terzo luogo, il regime dovrebbe ottenere il controllo sull’infrastruttura che sta alla base di Internet, come i root server, ha affermato Xi.

I root server DNS (Domain Name System) sono fondamentali per le comunicazioni Internet in tutto il mondo. Indirizza gli utenti ai siti Web che intendono visitare. Ci sono più di 1.300 root server nel mondo, circa 20 dei quali si trovano in Cina mentre gli Stati Uniti ne hanno circa 10 volte, secondo il sito web root-servers.org.

Se il regime cinese dovesse ottenere il controllo su più root server, potrebbe quindi reindirizzare il traffico dove vuole. Ad esempio, se un utente desidera leggere un articolo su un argomento ritenuto sensibile da Pechino, il server DNS del regime potrebbe indirizzare l’utente a una pagina falsa dicendo che l’articolo non è più online.

Nel 2019, il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei ha proposto per la prima volta l’idea di un Internet completamente nuovo, chiamato New IP (protocollo Internet), per sostituire l’infrastruttura vecchia di mezzo secolo alla base del web. Il nuovo IP è pubblicizzato per essere più veloce, più efficiente, flessibile e sicuro rispetto all’attuale Internet e sarà costruito dai cinesi. Peccato che questo miglioramento avverrà al prezzo della libertà di parola e lasciando al PCC la possibilità d’intercettare tutti.

La proposta è stata avanzata in una riunione del settembre 2019 tenutasi presso l’International Telecommunications Union (ITU), un’agenzia delle Nazioni Unite responsabile della definizione degli standard per le questioni informatiche e di comunicazione che è attualmente guidata dal cittadino cinese Zhao Houlin. Il nuovo IP sarà discusso formalmente durante l’Assemblea mondiale per la standardizzazione delle telecomunicazioni ITU che si terrà nel marzo 2022.

Se è poco probabile che la nuova infrastruttura venga adottata universalmente è probabile che Pechino la imponga ai suoi paesi satelliti e a quelli che le sono debitori attraverso il programm BRI:

Ciò accelererebbe una biforcazione di Internet, ciò che analisti come l’ex CEO di Google Eric Schmidt hanno soprannominato “splinternet“: da un lato la rete comunista, dall’altro il resto del mondo.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal