Seguici su

Attualità

Il primo caccia per portaerei cinese J15 è una copia del Su 33?

Pubblicato

il

 

Un documentario recentemente trasmesso dalla China Central Television (CCTV) ha fatto luce sulle origini del caccia J-15. Secondo il documentario, il caccia più avanzato della Cina discende in gran parte da un progetto sovietico, ha riferito il South China Morning Post (SCMP).

Il J-15 è il primo aereo da caccia per portaeri di produzione locale della Cina. Prodotto dalla Shenyang Aircraft Corporation, una sussidiaria della società statale Aviation Industry Corporation of China (AVIC), il J-15 è soprannominato “Squalo volante”. Il caccia è entrato in servizio per la prima volta nel 2014 e, secondo le ultime notizie, sono circa 50 le unità attualmente in servizio, secondo quanto riportato da Business Insider.


L’anno scorso l’aereo ha ricevuto una serie di aggiornamenti, tra cui quelli alle ali, al radar e al sistema di ricerca e tracciamento. Questi aggiornamenti sono destinati a mettere il J-15 alla pari con gli F-35 statunitensi, ma quali sono le origini del caccia cinese?

Nel 1998, la Cina ha acquistato la sua prima portaerei, una nave da guerra di progettazione sovietica, e stava valutando l’acquisto del Su-33 russo da impiegare. Secondo il documentario trasmesso dalla CCTV, i dirigenti della marina cinese decisero di utilizzare i jet da combattimento allora in servizio per costruire il J-15 e assegnarono il compito allo Shenyang Aircraft Design and Research Institute (SADRI). Tre anni dopo, il J-15 è stato portato in volo ed è atterrato con successo sulla portaerei nel dicembre 2012.

Peccato che SCMP abbia riferito che la decisione di produrre internamente il J-15 è stata presa dopo che l’accordo per i Su-33 tra Mosca e Pechino non si è concretizzato. La Russia guardava alla Cina per l’acquisto di almeno 50 velivoli, mentre Pechino era intenzionata a sviluppare il J-11B, predecessore del J-15 sulla falsariga del Su-27.

Le dimensioni del J-15 sono esattamente identiche a quelle del Su-33 e i suoi modelli di produzione sono stati persino alimentati dai motori russi Saturn AL-31F, come riporta Defense News, rendendolo di fatto una copia senza licenza dell’aereo russo. La Cina sta ora lavorando per alimentare il J-15 con i suoi motori indigeni WS-10.Gli esperti ritengono che le migliorie apportate dalla Cina ai J-15 li abbiano resi molto superiori alle loro controparti russe, su cui si basano. Sul campo di battaglia, l’origine degli aerei è irrilevante. Ciò che conta è chi vincerebbe se il J-15 si confrontasse con i caccia statunitensi.

Secondo quanto riportato da Business Insider, i recenti aggiornamenti includono anche un missile a corto raggio e hanno migliorato la capacità di trasporto del carico utile del J-15. Quello che ancora manca è un miglioramento nella  tecnologia delle portaerei cinesi deve ora recuperare terreno, poiché i trampolini delle portaerei non consentono ai J-15 di decollare con tutto il carico utile.

Anche con tutti i suoi aggiornamenti, il J-15 può essere classificato solo come un caccia di quarta generazione e non dispone della tecnologia avanzata di cui dispongono oggi i caccia di quinta generazione statunitensi. Con i motori WS-10 di potenza inferiore, i J-15 potrebbero persino avere difficoltà a battere gli F/A-18 di quarta generazione della Marina statunitense, hanno dichiarato gli esperti a Business Insider, ma la Cina sta avanzando rapidamente e il J-20 Mighty Dragon è già in produzione.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito