attualita' posted by

Il petrolio può arrivare a 200 dollari al barile?

 

 

I prezzi del petrolio e, in particolare in Europa, il prezzo del gas naturale, incidono sui costi dell’energia. In quanto tali, i prezzi del petrolio possono avere un impatto diretto sulle economie nazionali, se non sull’economia globale.

Un prezzo del petrolio elevato e sostenuto potrebbe inaugurare una recessione mondiale e  molto probabilmente l’Europa aprirà la strada. I prezzi elevati determinano la distruzione della domanda a lungo termine. Nel breve termine, i paesi consumatori stanno incoraggiando fonti di approvvigionamento alternative alla Russia, ad esempio tramite l’OPEC, ma non sembra che questi vogliano, o possano, incrementare più di tanto  Gli Stati Uniti, in particolare, hanno aperto negoziati con i precedenti stati paria come il Venezuela per aprire nuove fonti di approvvigionamento. Finora, nessuna concessione speciale è stata offerta all’Iran nei negoziati su un accordo nucleare e i tempi, che sembravano strettissimi, per l’accordo si sono prolungati.

L’ordine esecutivo del presidente Joe Biden di vietare le importazioni russe di petrolio e derivati  avrà solo un impatto modesto sulle esportazioni russe, né sulle forniture statunitensi, poiché il commercio è una percentuale relativamente bassa del totale per entrambi i paesi. Circa l’8% delle importazioni totali di greggio e carburante degli Stati Uniti è arrivato dalla Russia nel 2021. Il greggio sarà più facile da passare al Canada e altrove. Tuttavia, i distillati saranno più impegnativi. Se la decisione potrebbe avere un basso impatto sugli Stati Uniti, sta avendo un impatto enorme sugli acquisti globali di petrolio russo. Gli alleati e le aziende statunitensi si stanno affrettando a trasferire le forniture dalla Russia. La Russia probabilmente troverà una casa per gran parte della sua produzione. Nel frattempo, i grandi acquirenti come Cina, India e quelle grandi società commerciali che non saranno in grado di resistere a fare soldi velocemente richiederanno uno sconto forte per il piacere.

A parte la Cina, che ottiene gran parte del suo petrolio russo tramite oleodotto, i carichi marittimi sono colpiti molto più duramente da quello che il Financial Times chiama uno “sciopero degli acquirenti” poiché i consumatori temono il rischio reputazionale nella gestione del petrolio russo e temono che se effettuano ordini potrebbero non essere in grado di prendere in consegna o spedire carichi se la situazione peggiora.

La Russia ha minacciato ritorsioni, dicendo che ha tutto il diritto di prendere una “decisione speculare”. Ciò significa tagliare o limitare le forniture europee di gas naturale e petrolio, un passo che sarebbe devastante.

Tutto ciò come influirebbe sul prezzo del petrolio?
Maggiore è la perdita di petrolio russo sul mercato, maggiore sarà il prezzo che vedremo perché maggiore sarà la riduzione dell’offerta.  Questa settimana, i prezzi del greggio Brent e WTI sono aumentati, ma da allora hanno avuto anche dei cali. Ieri, hanno scambiato circa $ 116/barile per Brent (maggio) e $ 112,60/barile per WTI (aprile) mentre il mercato prende profitti e si ferma per vedere cosa verrà dopo. Ora siamo a 103,5 e 106, segno che c’è molta volatilità.

Un  blocco totale del petrolio russo sui mercati occidentali potrebbe portare i prezzi a oltre $ 200 al barile. Per fortuna un tale divieto è improbabile. Inoltre, non potrebbe essere applicato in modo sufficientemente ampio per essere efficace. La Russia non è l’Iran. Ha compratori e rivenditori che potrebbero spostare i prodotti via oleodotto, se non via mare. Ma l’avversione per i prodotti petroliferi e distillati russi sta già avendo un impatto sulle raffinerie russe. Poiché il mix di domanda cambia e provoca cambiamenti nelle raffinerie, ciò soffoca la domanda interna di greggio.

Nel lungo termine del petrolio, le compagnie sono profondamente consapevoli che un lungo periodo di prezzi elevati comporterà la distruzione della domanda. Pertanto, l’aumento dei prezzi del petrolio accelererà il passaggio a fonti di energia alternative. Giappone e Germania stanno entrambi rivedendo le loro decisioni di chiudere le centrali nucleari. Indipendentemente dall’inaffidabilità dell’approvvigionamento, i governi incoraggeranno maggiori investimenti nelle fonti di energia rinnovabile.

Abbiamo visto il prezzo di picco del petrolio? Assolutamente no. Il massimo potrebbe dipendere da fattori di carattere politico e militare incontrollati e incontrollabili . Non possiamo prevedere ora se domani un missile russo colpirà una base NATO, se ci fosse un’escalation sui civili, se altri paesi interverranno direttamente nel conflitto. Ognuno, o cento altri i questi eventi potrebbero mandare il prezzo ben oltre gli attuali limiti, e verso i 200, anche se la soglia, per fortuna, appare oggi piuttosto improbabile.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal