attualita' posted by

Il parlamento macedone vota per cambiare il nome alla nazione, anche se al referendum il popolo ha votato diversamente.

 

Il referendum in Macedonia per l’approvazione dell’entrata nella NATO e nella UE ed il cambio del nome della nazione non aveva raggiunto il quorum, con solo il 35% dei votanti, quando si era tenuto il 30 settembre. Una cocente sconfitta per gli europeisti, in quel momento, perchè gli scettici o i disillusi non si erano proprio recati alle urne. Eppure il passo era essenziale: senza il cambio del nome della nazione da Macedonia a Macedonia del Nord la Grecia non avrebbe mai concesso il proprio nulla osta all’entrata del paese nella UE e nella Nato. Invece neanche il 50% dei votanti si è recato alle urne, mostrando che alla popolazione questa scelta non interessa.

Non potendo il popolo, democraticamente, qualcun altro provvederà. In questo caso il parlamento ha votato, a maggioranza, sia il cambio del voto, sia il nulla osta all’entrata nella Nato ed a proporre la candidatura per l’accesso alla UE. Il voto è stato a larga maggioranza, 80 deputati su 120, una maggioranza dei 2/3, ampia, ma non assoluta.

In bocca al lupo al nuovo candidato NATO, la Macedonia del Nord.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog