Seguici su

Attualità

Il nostro ministro dei trasporti chiede il rinvio del bando ai motori a combustione interna. Una richiesta di buon senso

Pubblicato

il

 

Il Ministro dei Trasporti italiano Matteo Salvini ha chiesto al Commissario per i Trasporti della Commissione europea e ai suoi omologhi francese e tedesco di rivedere il divieto di vendita dei veicoli ICE che dovrebbe entrare in vigore nel 2035.

Salvini ha dichiarato che il divieto proposto di vendita di veicoli a combustibili fossili “non ha alcun senso economico, ambientale e sociale”.

La posizione di Salvini sul divieto di vendita dei veicoli ICE fa eco a quella delle case automobilistiche e dell’associazione europea dell’industria automobilistica, l’ACEA, nell’estate del 2021. All’epoca, l’ACEA insisteva sul fatto che i veicoli ICE avevano ancora un ruolo vitale da svolgere nella transizione verso un’energia più verde. A settembre, Salvini ha anche suggerito che i cittadini italiani dovrebbero votare sulla questione.

L’UE ha imposto alle case automobilistiche di ridurre del 100% le emissioni di CO2 entro il 2035. Ma quest’anno, coloro che credono che i combustibili fossili siano necessari anche nella transizione energetica sono stati incoraggiati dalla crisi energetica che sta stringendo l’Europa. Con i prezzi dell’elettricità che hanno raggiunto nuovi massimi, alcuni Paesi stanno iniziando a ripensare ai loro ambiziosi obiettivi in materia di veicoli elettrici.

I funzionari svizzeri, ad esempio, stanno valutando la possibilità di vietare i veicoli elettrici, almeno per questo inverno. La Svizzera vede spesso un calo nella produzione di energia elettrica durante i mesi invernali e la maggior parte di essa deriva dall’energia idroelettrica, che si esaurisce in inverno. In genere, la Svizzera importa una notevole quantità di elettricità dai paesi vicini, Francia e Germania, che però stanno affrontando una crisi energetica a causa di una serie di fattori, tra cui l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e il calo della produzione di energia nucleare in Francia. La ricarica dei veicoli elettrici può mettere ulteriormente a dura prova la rete elettrica, per cui il divieto dei veicoli – pur andando apparentemente contro i piani di transizione verde a lungo termine – sembra una conclusione naturale.

Sebbene si possa sostenere che questo inverno sia unico e che la Svizzera abbia preso in considerazione un divieto di circolazione dei veicoli elettrici a breve termine e che non possa interferire con gli obiettivi di transizione a lungo termine dell’Europa, ci si chiede se i sistemi elettrici globali siano in grado di sostenere un obiettivo così ambizioso. Quindi una richiesta di prudenza e buon senso in una Europa, che, unica al mondo e in posizione secondaria, sembra accecata dalla follia verde.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito