attualita' posted by

Il maggior produttore mondiale di Carbone non può disintossicarsi dalla convenienza

Quanto costerà distaccare l’Indonesia dal carbone? Questa è una domanda pressante per i leader mondiali e per i responsabili delle politiche climatiche di tutto il mondo in vista del vertice sul clima COP27 di quest’anno, che si terrà a Sharm el-Sheikh, in Egitto, il prossimo novembre. Poco prima del vertice, in cui i più importanti politici, scienziati, responsabili politici e leader industriali del mondo si riuniscono per fissare obiettivi, mediare accordi e definire programmi concreti per soddisfare gli standard di emissione stabiliti dall’accordo sul clima di Parigi nel 2015, i leader del G20 si riuniscono a Bali per cercare di siglare un accordo per sganciare il più grande esportatore di carbone al mondo dallo sporco combustibile fossile. Peccato che gli stiano chiedendo uno sforzo troppo grande.

L’Indonesia occupa una posizione di rilievo nell’agenda della COP27, in quanto rappresenta uno dei maggiori ostacoli alla graduale eliminazione del carbone su scala globale, una componente necessaria di tutti i percorsi per ridurre le emissioni globali in misura sufficiente a evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico. Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ha dichiarato che il mondo dovrà chiudere tutte le centrali a carbone al più tardi entro il 2040 e in precedenza aveva esortato il mondo a raggiungere il carbone di pesca entro il 2020. Nel 2021, invece, il mondo ha assistito a un’enorme ripresa dell’uso del carbone, poiché i problemi di pandemia in corso e le sanzioni sull’energia russa hanno fatto schizzare i prezzi dell’energia alle stelle.

La rinnovata vitalità dell’industria carbonifera è uno dei tanti ostacoli che si frappongono all’abbandono del carbone da parte dell’Indonesia. La nazione insulare del sud-est asiatico ha la quarta popolazione più numerosa al mondo e la terza capacità di produzione di energia elettrica da carbone, dopo l’India e la Cina, il che la rende uno dei pochi Paesi che hanno il potere di far saltare l’accordo di Parigi. Ma il carbone è profondamente radicato nei meccanismi economici e politici del Paese e liberarsene non sarà facile.

Il parlamento indonesiano ha appena redatto una proposta di legge sull'”energia pulita” che prevede il mantenimento dell’uso del carbone, tra lo sgomento e l’indignazione degli esperti ambientali e dei sostenitori del clima. Secondo l’Indonesia Mining Advocacy Network, un’agenzia di vigilanza, ben il 50% dei 575 membri del parlamento del Paese è direttamente collegato al settore minerario. Anche i lavoratori indonesiani che dipendono dal carbone per il loro sostentamento si oppongono agli sforzi per il clima e chiedono di continuare ad aumentare gli obiettivi di produzione di carbone finché il mercato è caldo. Però che cosa potrebbero fare di diverso gli indonesiani? Arrestare la crescita del paese e rimandarlo nella povertà per accontentare i ricchi ambientalisti ?

A complicare ulteriormente la questione, l’Indonesia dispone di una massiccia eccedenza di carbone, dopo aver investito in modo eccessivo nel settore nei decenni passati. Convincerli a non utilizzare questa fonte di energia abbondante e a basso costo sarà difficile – e costoso. Questo è ciò che pensano le nazioni più ricche del mondo mentre lavorano alla mediazione di uno dei loro accordi più difficili alla vigilia della COP27. “L’Indonesia sarà la nostra prossima partnership”, ha dichiarato John Morton, consigliere per il clima del Tesoro statunitense, citato da Bloomberg questa settimana. “Se fosse stato facile, sarebbe stato fatto anni fa. I Paesi avrebbero potuto gestirlo da soli”, ha detto. Del resto si chiede a un paese di rinunciare a una fonte di energia abbondante, con ritorni monetari sicuri, in cambio di fonti di energia insicure e costose. 

Finora, le nazioni più ricche del mondo non hanno mantenuto le loro promesse di fornire finanziamenti per il clima ai Paesi più poveri. I leader mondiali hanno riconosciuto che questo tipo di cooperazione economica è fondamentale per il successo della transizione energetica e del percorso verso 1,5 gradi, e 12 anni fa avevano promesso di fornire 100 miliardi di dollari in finanziamenti per il clima ai Paesi poveri entro il 2020. Non hanno mantenuto la promessa. Ma alla COP26 dello scorso anno a Glasgow, l’impegno è stato ripristinato. Ora il G-20, un gruppo di 19 nazioni e l’Unione Europea che rappresentano il 90% del prodotto mondiale lordo, si sta recando a Bali per far fruttare un po’ di quei soldi e creare un partenariato per una giusta transizione energetica con l’Indonesia, per contribuire a “rompere lo status quo”, secondo le parole dell’inviato statunitense per il clima John Kerry.

Sarà una battaglia in salita, ma la Banca asiatica di sviluppo ha già lanciato un piano multimiliardario per aiutare l’Indonesia e le Filippine a eliminare gradualmente metà delle loro centrali a carbone nei prossimi 10-15 anni. Liberare l’Indonesia dalla dipendenza  dal carbone costerà al mondo altri miliardi di finanziamenti per il clima, ma gli esperti diranno che è un piccolo prezzo da pagare per evitare cambiamenti climatici catastrofici. Però non è detto che gli indonesiani vogliano lasciarlo.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal