Seguici su

Attualità

Il Kazakistan si appresta ad aumentare fortemente la propria produzione di petrolio

Pubblicato

il

 

Il Consorzio dell’oleodotto del Mar Caspio (CPC) dovrebbe completare le riparazioni di uno dei punti di ormeggio del suo terminale di esportazione del petrolio del Mar Nero entro tre giorni, ha dichiarato giovedì il primo ministro kazako Alikhan Smailov, in quello che potrebbe presto segnare un aumento delle spedizioni di petrolio kazako. Sempre che non accadano altri incidenti curiosi in territorio russo.

La produzione e le esportazioni di petrolio del Kazakistan sono diminuite negli ultimi mesi a causa di un’interruzione parziale dell’enorme giacimento di Kashagan dovuta a una fuga di gas e alle riparazioni urgenti necessarie a due dei terminali della CPC sul Mar Nero.

L’oleodotto CPC, lungo 1.500 km, dai giganteschi giacimenti kazaki del Mar Caspio a Novorossijsk, sulla costa russa del Mar Nero, trasporta oltre due terzi di tutto il petrolio kazako esportato insieme al greggio proveniente dai giacimenti russi, compresi quelli della regione del Caspio.

Il consorzio ha dichiarato alla fine di agosto che le esportazioni di petrolio dal Kazakistan attraverso il terminal del Mar Nero avrebbero dovuto subire almeno un mese di riduzione delle spedizioni e di interruzione dei programmi di carico a causa delle riparazioni urgenti necessarie a due dei tre ormeggi a punto unico del terminal.

Secondo le prime indicazioni, tutti e tre gli ormeggi a punto singolo avrebbero ripreso a funzionare prima della metà di ottobre. Kashagan, invece, avrebbe dovuto riprendere la produzione a un livello di 400.000 barili al giorno (bpd) entro la fine di ottobre.

La produzione di Kashagan è stata interrotta a causa di alcuni “problemi” con le attrezzature. Stiamo effettuando lavori di riparazione”, ha dichiarato alla Reuters il ministro dell’Energia del Kazakistan, Bolat Akchulakov, a metà ottobre.

Il giacimento petrolifero offshore Kashagan è uno dei più grandi al mondo in termini di capacità di pompaggio del greggio. Il 6 novembre, la produzione giornaliera di greggio e condensati del Kazakistan è aumentata dopo il ripristino della produzione di Kashagan.

Il primo ministro kazako Smailov ha dichiarato oggi, come riportato da Reuters, che il Paese intende ridurre la sua dipendenza dalle esportazioni dalla CPC, che attraversa la Russia, e spedire più petrolio attraverso l’oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan dall’Azerbaigian al porto turco del Mediterraneo. Questo condotto dovrebbe avere molti meno problemi e permette una diversificazione strategica delle vie di esportazione.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito