attualita' posted by

“I talebani sono nella posizione più forte dal 2001”. La CIA ammette la sconfitta in Afganistan

 

Da quando gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare le truppe dall’Afghanistan all’inizio di maggio, i talebani hanno ottenuto guadagni significativi contro il governo appoggiato dagli Stati Uniti. In un’intervista trasmessa venerdì, il direttore della CIA William Burns ha affermato di ritenere che i talebani siano nella migliore posizione militare in cui si trovano dalla guerra del 2001.

I talebani stanno facendo progressi militari significativi; sono probabilmente nella posizione militare più forte in cui si trovano dal 2001“, ha detto Burns a NPR.

A dimostrazione del successo dei talebani sul campo di battaglia, il presidente del Joint Chiefs of Staff Gen. Mark Milley ha detto mercoledì che il gruppo attualmente controlla 200 dei 419 centri distrettuali in Afghanistan. Il mese scorso, ha affermato che i talebani controllavano solo 81 centri distrettuali. L’ammissione, neanche tanto nascosta, di una sconfitta.

Burns ha assicurato che gli Stati Uniti continueranno a sostenere l’esercito afghano dopo il ritiro e ha affermato che la CIA sarà ancora coinvolta nel paese. “Quindi il governo degli Stati Uniti, come ha chiarito il presidente – e la CIA giocherà un ruolo in questo – continuerà a sostenere fortemente il governo afghano in ogni modo possibile. E per la CIA, saremo fortemente concentrati al di là del ritiro delle forze armate statunitensi e continue sfide al terrorismo”, ha affermato.

Sia la CIA che il Pentagono speravano di stabilire nuove basi nei paesi vicini, come il Pakistan. Ma nessuno dei vicini dell’Afghanistan voleva ospitare le forze statunitensi, e l’esercito deve accontentarsi di lanciare attacchi aerei dalla regione del Golfo o dall’oceano indiano.

Per la CIA, la sua presenza in Afghanistan sarà più nascosta di quella militare. Gli Stati Uniti prevedono di lasciare circa 600 soldati nel Paese divisi tra la propria ambasciata a Kabul e l’aeroporto internazionale, anch’esso situato nella capitale afghana. L’ambasciata degli Stati Uniti è una struttura enorme, che si sviluppa su 14 ettari, e  che può ospitare migliaia di persone, con molto spazio per gli agenti della CIA. Burns ha insistito sul fatto che la CIA “sarà ancora in grado di fare molto” in Afghanistan dopo il 31 agosto, data entro la quale il presidente Biden ha dichiarato che il ritiro sarebbe stato completato.

Che può fare la CIA in Afganistan? Sicuramente cercherà di mantenere quel poco di governo che ancor esiste e medierà con i talebani. La sconfitta, evidente, dell’intervento USA nel paese potrebbe essere mediata da una permanenza scomoda per i vicini, soprattutto per la Cina, che si troverà ad avere a che fare con un paese islamico, e sappiamo come Pechino tratti l’Islam.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal