Seguici su

Attualità

I russi incominciano a stancarsi dei droni da ricognizione USA vicino alla Crimea

Pubblicato

il

Gli osservatori russi sostengono da tempo che i droni da ricognizione dei paesi occidentali viengono spesso utilizzato per raccogliere dati di puntamento per gli attacchi UAV ucraini in Crimea, che è stata annessa dalla Russia nel 2014 e successivamente ha votato per far parte del Paese in un referendum dello stesso anno. I droni a lungo raggio RQ 4b sono utilizzati molto spesso dagli USA sul Mar Nero, sempre in acque internazionali, ma ai limiti dello spazio aero  rivendicato dai russi sopra la Crimea.

La persistente e formidabile assistenza di intelligence-sorveglianza-ricognizione (ISR) da parte dei mezzi militari americani è sempre più percepita come una provocazione per la Russia e ha generato una campagna per colpirla direttamente per inviare un messaggio a Washington. Abbattere un drone non è abbattere un aero con pilota, anche se è un atto ovviamente incredibilmente ostile.

Gli operatori statunitensi del drone mirano a studiare i processi di difesa aerea russa, compresi i tempi di reazione, le frequenze dei radar e la loro posizione con l’aiuto dell’UAV, hanno affermato gli osservatori della difesa russa. Sebbene il numero esatto e la composizione siano sconosciuti, la Crimea è pesantemente difesa da sistemi missilistici terra-aria (SAM) russi a lungo raggio come l’S-400 e forse l’S-300VM. L’S-300VM può colpire bersagli come missili balistici a corto e medio raggio, missili da crociera, aerei ad ala fissa, piattaforme ECM in sosta e munizioni a guida di precisione. È stato trasferito in Siria nel 2016, al culmine della guerra del Donbas e della guerra civile siriana.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito