attualita' posted by

I “negazionisti” della terapia domiciliare precoce

di Francesco Cappello

La cura per il covid 19 esiste
Essa è semplice, si realizza con farmaci tradizionali. È tutt’altro che costosa. Se applicata con la giusta tempistica è in grado di salvare vite umane. Piuttosto che il lockdown bisogna, finalmente, mettere in grado i medici di base di somministrarla capillarmente su tutto il territorio nazionale.

La corretta terapia domiciliare, somministrata precocemente all’apparire dei primi sintomi è stata sinora negata dalle linee guida ufficicialmente riconosciute. Eppure tale pratica risparmierebbe i pericolosi affollamenti nei pronto soccorso, nei reparti covid e nelle terapie intensive.
Il corretto trattamento domiciliare precoce (tdp) è, infatti, in grado salvare vite umane in modo diretto ma anche indiretto, lasciando liberi gli ospedali per il trattamento delle altre consuete patologie (vedi il mio Gli assembramenti più pericolosi si verificano nei pronto soccorso e negli ospedali).

La tensione e le energie impiegate nella propaganda dell’emergenza sanitaria si sono tuttavia concentrate quasi esclusivamente sulla scarsa capacità di ricezione del sistema ospedaliero rispetto alla dinamica di diffusione del covid tra la popolazione e in particolare sulla mancanza di un sufficiente numero di posti in terapia intensiva.
Tale deficienza a fronte della rapidità di crescita della diffusione della patologia ha giustificato le segregazioni totali e parziali a cui siamo stati costretti nel corso della prima e della seconda ondata malgrado esse abbiano comportato la danosissima paralisi di gran parte della vita sociale ed economica del Paese.
Rianimazione ed intubazione rappresentano però il fallimento della cura. La corretta terapia domiciliare precoce essendo in grado di circoscrivere l’evoluzione della patologia, nella quasi totalità dei casi, alla prima fase, quella virale. I pazienti correttamente e tempestivamente assititi evitano di passare alle fasi successive della patologia, via via sempre più critiche e dispendiose dal punto di vista della natura degli interventi terapeutici necessari e della loro probabilità di successo.

Agli inizi si è tardato ad individuare la giusta modalità di intervento anche a causa della disincentivazione alla pratica delle autopsie (OMS e ministero della sanità); si è così perso tempo prezioso. Tuttavia a marzo i nostri medici avevano già concepito, quale efficace strategia di intervento, una terapia domiciliare precoce a base di antinfiammatori fans, antibiotici, idrossiclorochina ed eparina (cortisone nella eventuale seconda fase), plasmaimmune quando necessario. Precoce, perché era subito stato chiaro quanto fosse decisiva la tempestività dell’intervento. Si vedano a tal proposito la call conference del dott. Pierluigi Viale sulla patogenesi del covid-19 e le relative indicazioni terapeutiche

call conference dott. P. Viale

Si vedano anche le testimonianze dei medici Claudio Puoti, Salvatore Spagnolo, Luigi Cavanna, e altri nonché le relative richieste dirette al ministero della sanità e al governo per implementare tale modalità di intervento a livello nazionale.

La praticabilità della terapia domiciliare precoce
Ad ogni medico di base sono affidati un massimo di 1500 pazienti. Come si sa, essi sono capillarmente presenti su tutto il territorio nazionale.
Gli italiani venuti ufficialmente in contatto con il virus, i cosiddetti casi, sono ad oggi 1,5 milioni1 su sessanta milioni di abitanti, ossia il 2,5% della popolazione. Il 2,5% di 1500 fa 37,5 ossia una media di circa 40 pazienti che ogni medico ha dovuto, ad oggi, gestire per ragioni legate al covid; ma attenzione, l’80% di questi non necessita di cure essendo asintomatico. Il 20% di 40 sono pari ad una media di 8 pazienti con sintomi affidati ad ogni medico di base.
Certamente la distribuzione dei casi e degli ammalati non è stata uniforme. Alcuni medici, tuttavia, sono stati in grado di assitere e curare sino a 300 pazienti covid già nella prima fase e con grande successo (praticamente nessuno dei pazienti trattati in tdp è finito in ospedale).
Le unità speciali di continuità assistenziale USCA sono state pensate ed attivate per intervenire laddove necessario ad affiancare i medici di base.

I medici che hanno concepito e sperimentato con successo la corretta terapia domiciliare precoce (tdp) sono stati tuttavia frustrati nelle loro richieste. vedi ANSA ROMA, 13 novembre 2020.
Il protocollo per le cure a casa, messo a punto dal gruppo di lavoro del Ministero della Salute, infatti, non prevedendo l’uso di antibiotici, antinfiammatori e cortisone, e impedisce la somministrazione di idrossiclorochina ha seminato sconcerto tra quei medici di famiglia che avendo sperimentato con successo la tdp avevano chiesto che fosse ufficializzata perché si potesse più adeguatamente diffonderne la pratica su tutto il territorio nazionale con l’aiuto decisivo del ministero ma all’uscita di quel protocollo si sono immediatamente resi conto che la loro esperienza di cura sul campo era stata completamente negata. Non ne hanno, infatti, condiviso le indicazioni terapeutiche: “Nessuno ci ha interpellati”. In pratica il protocollo ufficiale prevede paracetamolo (tachipirina) per i sintomi febbrili, antinfiammatori solo se il quadro clinico del paziente inizia ad aggravarsi, cortisone solo in emergenza.
Nessun antireumatico (idrossiclorochina), nè antibiotici. Eparina solo per le persone che hanno difficoltà a muoversi.

Ascoltiamo, a tal proposito, lo sfogo del dott. Stefano Manera all’indomani della diffusione del protocollo per le cure a casa:

Una notizia degna di un venerdì 13 di un anno bisestile che sarà ricordato a lungo.
Come sapete uso da sempre la prevenzione e la medicina “non convenzionale” per curare me stesso e gli altri, tuttavia sono certo che sia indispensabile che un medico conosca e sappia utilizzare bene tutte le risorse terapeutiche a disposizione, con i giusti criteri e i giusti tempi.
Da mesi diciamo e scriviamo quanto sia fondamentale l’utilizzo di cortisone, antibiotici ed eparina anche precocemente nel trattamento della malattia.
Ci sono studi che ne dimostrano l’efficacia e l’utilità per salvare molte vite.
Qui emerge, nero su bianco, che c’è una volontà precisa di non fornire le cure idonee durante l’assistenza domiciliare.
Ci dicono l’esatto contrario: niente antibiotici e cortisone, che fino all’anno scorso venivano prescritti a tutti, da tutti i medici, per ogni banale influenza!
Non parliamo dell’idrossidoclorochina e del plasma iperimmune che fin da subito, sono stati banditi dai piani terapeutici con la scusa della pericolosità degli effetti collaterali, convincendo rapidamente tutti.

Il ruolo del tampone

L’attesa del tampone, anche 10 o più giorni, in presenza della sintomatologia da covid, quasi del tutto sovrapponibile a quella influenzale, insieme al suo mancato trattamento, rimandato sino alla disponibilità dell’esito del tampone, ha fatto il resto impedendo il trattamento precoce del paziente fin dalla prima fase, quella prettamente virale, in cui si rivela decisivo l’intervento farmacologico tempestivo del medico di base in grado di bloccare la deriva del covid verso le pericolose fasi successive.

L’drossiclorochina (plaquenil), insieme all’eparina (clexane) (+ antibiotico), finché ne è stato consentito l’uso, sono stati i farmaci decisivi, il cui uso, nella terapia domiciliare precoce (all’apparizione dei primi sintomi), ha evitato il ricovero e l’aggravamento dei pazienti covid. Viceversa, la prolungata attesa dell’esito del tampone, in presenza dei sintomi lievi della prima fase, trattati con paracetamolo (tachipirina), hanno garantito (provocato) il peggioramento e la transizione della malattia alle sue fasi successive, necessitanti ricovero ospedaliero e nei casi più sfortunati terapia intensiva… Tutto questo è noto sin dalla seconda metà dello scorso marzo, ma le richieste di migliaia di medici sono rimaste inascoltate e anzi l’AIFA ha proibito l’uso della idrossiclorochina e ribadito quello assai controverso della tachipirina. Si ascolti a tal proposito la testimonianza seguente del dott. Andrea Mangiagalli

La testimonianza del dott. A. Mangiagalli

Tutti sappiamo quanto sia stata decisiva l’incremento della curva dei “casi” a legittimare e conclamare la seconda ondata con conseguente necessità di paralizzare nuovamente la vita del paese. Si continua tuttavia a negare l’inattendibilità del tampone rispetto alla veridicità dei risultati diagnostici che restituisce e questo malgrado il pronunciamento dell’ISS e la letteratura scientifica di settore che ne hanno decretato la fallacia (vedi il mio Dubbi da tamponare).

A tale proposito si veda

Palermo. “Tamponi inaffidabili”: il Codacons presenta esposto a nove Procure in Sicilia

L’inaffidibabilità è stata certificata dalla Commissione europea e dall’ISS (procurano fino al 95% dei falsi positivi secondo l’Istituto Superiore di Sanità). Sono stati ipotizzati i reati di truffa aggravata, procurato allarme, falso ideologico e omicidio colposo.

1 casi confermati e casi probabili

integrazioni successive presso
https://www.francescocappello.com


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito